Quasi tre quarti dei pazienti senza malattia coronarica hanno sintomi persistenti

Aprile 28, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Circa uno su cinque pazienti con dolore toracico non avrà segni evidenti di malattia coronarica dopo indagini, ei loro sintomi non rischiano di avere una causa fisica.

Ma non è sempre chiaro chi questi pazienti sono, e spesso subiscono vasti e costosi test per scoprire che nulla è sbagliato con i loro cuori.

Gli autori tedeschi quindi voluto testare la prevalenza di sintomi fisici e mentali nei 253 pazienti che erano stati indagati per dolore toracico/respiro corto/palpitazioni e trovati a non avere la malattia coronarica.




Il tipo e l'intensità dei loro sintomi sono stati testati prima e 6 a 18 mesi dopo aver subito angiografia coronarica - una procedura invasiva progettato per scattare foto a raggi x del cuore.

Essi hanno inoltre completato una serie di questionari validati per controllare i loro livelli di ansia e depressione generale, il cuore concentrato ansia, ipocondria, sintomi fisici necessari da stato d'animo (disturbi somatoformi) e la qualità della vita.

I risultati sono stati confrontati con quelli di un campione rappresentativo della popolazione tedesco senza alcuna storia di malattia cardiaca.

Prima della angiografia, sintomi sono stati gravi per quasi uno su 10 pazienti (più del 8,5%) e moderato in circa uno su quattro (28%).

In seguito, sette su 10 pazienti ha continuato ad avere sintomi, pur non avendo prove evidenti di malattia coronarica.

Rispetto alla popolazione generale i loro livelli di ansia erano notevolmente superiori (superiore del 37% nelle donne e superiore del 22% negli uomini) e il loro cuore specifico focalizzato l'ansia è stato superiore del 27%.

Allo stesso modo, l'incidenza di disturbi somatoformi è 120% più comune, e questi pazienti sono stati il ​​68% in più di probabilità di essere affetti da ipocondria. Non sorprende che, i loro livelli di stress e di ansia sono riflessi in significativamente più bassa qualità dei punteggi vita.

I ricercatori concludono che, mentre i questionari validati prendere un po 'di tempo per completare, sono la pena di fare per allontanare il rischio di ulteriori test costosi e potenzialmente invasive e per garantire che questi pazienti ottenere l'aiuto psicologico di cui hanno bisogno.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha