Raccomandazioni dietetiche possono essere legati alle emissioni di un aumento di gas serra

Aprile 17, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Martin Heller e Gregory Keoleian del Centro di UM per sistemi sostenibili hanno esaminato le emissioni di gas serra associate alla produzione di circa 100 prodotti alimentari, nonché i potenziali effetti di spostamento americani a una dieta consigliata dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.

Essi hanno scoperto che se gli americani hanno adottato le raccomandazioni di "Dietary Guidelines for Americans 2010," di USDA, mantenendo costante l'apporto calorico, le emissioni di gas a effetto serra legate all'alimentazione aumenterebbero del 12 per cento.




Se gli americani ridotto il loro apporto calorico giornaliero al livello raccomandato di circa 2.000 calorie, mentre il passaggio a una dieta più sana, le emissioni di gas a effetto serra diminuirebbero solo dell'1 per cento, secondo Heller e Keoleian.

Un articolo di Heller e Keoleian intitolato "stime delle emissioni di gas serra degli Stati Uniti scelte alimentari e la perdita di cibo" è prevista per la pubblicazione on-line 5 settembre sul Journal of Industrial Ecology.

"Il messaggio da portare a casa è che gli ordini del giorno per la salute e l'ambiente non sono allineati nelle attuali raccomandazioni dietetiche", ha detto Heller.

Le conclusioni della carta sono particolarmente rilevanti ora perché la Dietary Guidelines comitato consultivo USDA è per la prima volta in considerazione la sostenibilità alimentare nel contesto delle raccomandazioni dietetiche, ha detto.

Nelle sue linee guida dietetiche del 2010, USDA raccomanda che gli americani mangiano più frutta, verdura, cereali integrali, prodotti senza grassi e basso contenuto di grassi prodotti lattiero-caseari, e frutti di mare. Essi dovrebbero consumare meno sale, grassi saturi, grassi trans, colesterolo, zuccheri aggiunti e cereali raffinati.

Le linee guida non dichiarano espressamente che gli americani dovrebbero mangiare meno carne. Tuttavia, appendice al rapporto elenca la media raccomandate quantità di assunzione giornaliera di vari alimenti, tra cui carne. La quantità raccomandata di carne è significativamente inferiore a livelli di consumo attuali, che Heller e Keoleian stimato utilizzando perdita aggiustata alimentare disponibilità di dati del USDA come proxy per il consumo pro capite di cibo negli Stati Uniti.

E in misura minore di pesce, frutta e verdura - - Mentre un calo dei consumi di carne aiuterebbe le emissioni di gas a effetto serra legate all'alimentazione, maggiore utilizzo di prodotti lattiero-caseari tagliata avrebbe l'effetto opposto, aumentando le emissioni legate all'alimentazione, secondo il UM ricercatori.

Negli Stati Uniti nel 2010, la produzione di cibo era responsabile di circa l'8 per cento delle emissioni di gas a effetto serra della nazione. In generale, gli alimenti di origine animale sono responsabili di più emissioni di gas a effetto serra per chilo di alimenti di origine vegetale.

La produzione di entrambi i bovini da carne e vacche da latte è legata a livelli particolarmente alti di emissioni di gas a effetto serra.

Per cominciare, le mucche non convertire in modo efficiente dei mangimi a base vegetale in muscolo o latte, quindi devono mangiare un sacco di mangime. Crescere che si nutrono spesso implica l'uso di fertilizzanti e altre sostanze prodotte attraverso processi ad alta intensità energetica. E poi c'è il carburante utilizzato dai attrezzature agricole.

Inoltre, mucche burp sacco di metano, e il loro letame rilascia anche questo potente gas serra.

Emissioni di gas serra associate alla produzione di dieta degli Stati Uniti sono dominati dalla categoria carni, secondo Heller e Keoleian. Mentre i conti di manzo per solo il 4 per cento in peso del cibo disponibile, esso contribuisce il 36 per cento dei gas serra associate, ma concludere.

I ricercatori hanno scoperto che UM un interruttore di diete che non contengono prodotti di origine animale porterebbe a maggiori riduzioni legate all'alimentazione emissioni di gas serra di questo paese.

Ma Heller ha detto che non sta sostenendo che tutti gli americani dovrebbero andare vegan, e crede che gli animali devono essere parte di un sistema agricolo sostenibile. Tuttavia, il consumo ridotto sarebbe avere sia benefici sanitari e ambientali.

Nella loro Journal of Industrial Ecology carta, Heller e Keoleian hanno visto anche cibo sprecato e come contribuisce alle emissioni di gas serra degli Stati Uniti. Essi hanno concluso che le emissioni annuali legati al cibo non consumato sono equivalenti ad aggiungere 33 milioni di autovetture per le strade del paese.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha