Recentemente proteina scoperta può essere una causa di insufficienza cardiaca

Aprile 19, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Cardiac Center Peter Munk scoperto un interruttore di proteine ​​in grado di innescare una cascata di eventi che portano a insufficienza cardiaca, indicando una nuova direzione per lo sviluppo di farmaci.

"La nostra ricerca suggerisce che PINK1 è un interruttore importante che innesca una cascata di eventi che influenzano il metabolismo delle cellule del cuore," dice il Dott Phyllis Billia, autore principale, clinicianscientist e specialista di insufficienza cardiaca presso il centro cardiologico Peter Munk. "Questo potrebbe essere uno degli eventi che incitano nello sviluppo di scompenso cardiaco."

I risultati, pubblicati 23 maggio a Proceedings della National Academy of Sciences, dimostrano che l'assenza di una certa proteina, PINK1, induce le cellule del cuore per la produzione di energia in meno. Questa mancanza di energia fa sì che alcune cellule del cuore a morire, costringendo le cellule rimanenti lavorare di più per mantenere il cuore in corso. In risposta a questo stress, le cellule del muscolo cardiaco addensare, una condizione nota come ipertrofia.




L'insufficienza cardiaca è la causa più comune di ospedalizzazione negli adulti nordamericani, e più di 50.000 sono trattati per insufficienza cardiaca avanzata annualmente. Il trapianto è l'unico trattamento a lungo termine per i pazienti con insufficienza cardiaca allo stadio terminale e dei lunghi tempi di attesa per un organo donatore compatibile rendono necessario trovare altre alternative.

"Scompenso cardiaco rimane una epidemia silenziosa in America del Nord, ad eccezione di coloro che soffrono di questa malattia devastante. Le attuali terapie, pur efficace, solo bersaglio i sintomi di scompenso cardiaco", afferma Dr Vivek Rao, co-autore dello studio e chirurgica Direttore del Programma di trapianto di cuore presso il centro cardiologico Peter Munk. "La scoperta del ruolo di PINK-1 nello sviluppo di insufficienza cardiaca può portare a nuovo trattamento per prevenire l'insufficienza cardiaca nei soggetti a rischio. Questa scoperta rappresenta un nuovo e ancora, il meccanismo sfruttato per combattere la battaglia contro l'insufficienza cardiaca."

In laboratorio, ricercatori "knock-out" o geneticamente rimossi gene PINK1 nei topi e studiate le loro cellule cardiache al microscopio. Essi hanno scoperto che, anche se i cuori inizialmente si sviluppano normalmente, cominciano a fallire dopo due mesi, suggerendo che PINK1 non è necessario per lo sviluppo degli organi; piuttosto è fondamentale per la protezione contro l'insufficienza cardiaca.

Fino ad ora, la ricerca nel gene PINK1 è concentrata sui suoi collegamenti alla malattia ad esordio precoce di Parkinson e di alcuni tipi di cancro, tra cui esofageo e dell'endometrio. Questo è il primo studio a stabilire la connessione a malattie cardiache.

Mentre più ricerca è necessaria per sviluppare potenziali trattamenti clinici, questa scoperta rappresenta un nuovo modo di pensare il coinvolgimento di alcune proteine ​​nella progressione dello scompenso cardiaco.

"Abbiamo bisogno di imparare di più su PINK1 e le altre proteine ​​essa interagisce con a livello sub-cellulare," dice il Dott Billia. "Ma se abbiamo identificato l'evento incitamento che causa la catena di eventi che portano al fallimento, strategie di ricerca e sviluppo di farmaci dovrebbero concentrarsi in questa nuova area della scienza."

La ricerca pubblicato il 23 di maggio è stato finanziariamente sostenuto da sovvenzioni dal Canadian Institute of Health Research.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha