Recettori Light In Eye Gioca ruolo chiave nella definizione orologio biologico, studio mostra

Maggio 23, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La nuova scoperta dimostra che le cellule del recettore di luce negli occhi sono al centro impostare i ritmi del cronometrista primario del cervello, i nuclei soprachiasmatico, che regola l'attività e cicli di riposo.

"La scoperta è importante perché cambia la nostra comprensione di come ingresso luce l'occhio può influenzare l'attività e il sonno modelli", ha detto Susan Doyle, un ricercatore presso U.Va. e investigatore principale dello studio.




La scoperta appare, in questo numero di Proceedings of National Academy of Sciences.

Il U.Va. i ricercatori hanno scoperto che potevano invertire la "nicchia temporale" di topi - il che significa che la fase di attività degli animali può essere commutato dal loro nocturnality normale, o attività di notte, per essere diurno, o il giorno attivo.

I ricercatori hanno fatto questo sia riducendo l'intensità di luce fornita ai topi normali, e anche creando una linea mutante di topi con ridotta sensibilità alla luce nei loro occhi, che li rendeva pienamente attivo nel giorno ma inattiva notte, un'inversione completa del normali cicli di attività/riposo di topi.

"Questo suggerisce che abbiamo scoperto un ulteriore meccanismo di regolazione nocturnity e diurnity che si trova nei percorsi di ingresso di luce degli occhi," ha detto Doyle. "Il significato di questa ricerca per gli esseri umani è che potrebbe in ultima analisi portare a nuovi trattamenti per i disturbi del sonno, forse anche colliri che indirizzare percorsi neurali al cronometrista centrale del cervello."

Orologi biologici sono il corpo complessa rete di oscillatori interni che regolano i cicli di attività/riposo giornaliero e di altri importanti aspetti della fisiologia, tra cui la temperatura corporea, la frequenza cardiaca e l'assunzione di cibo. Oltre disturbi del sonno, la ricerca in questo campo può eventualmente aiutare a curare gli effetti negativi del lavoro a turni, invecchiamento e jet lag.

Circa il 20 al 25 per cento dei lavoratori americani sono lavoratori a turni, molti dei quali hanno difficoltà a dormire durante il giorno, quando non funzionano, e allo stesso modo lo trovano difficile rimanere vigile di notte mentre sul lavoro.

Si stima che in sei persone negli Stati Uniti soffrono di disturbi del sonno, tra cui insonnia e sonnolenza eccessiva. E come l'invecchiamento della popolazione degli Stati Uniti, un numero crescente di persone stanno sviluppando problemi visivi che possono causare disturbi del sonno.

"Attualmente, uno su 28 gli americani di età 40 anni e più soffrono di cecità o ipovisione, e questo numero è stimato a raddoppiare nei prossimi 15 anni", ha detto Doyle. "La nostra scoperta del meccanismo di commutazione negli occhi ha rilevanza diretta per quanto riguarda l'eventuale sviluppo di terapie per il trattamento di disturbi circadiani e dormire i non vedenti."

Doyle ha condotto la sua ricerca con i colleghi Tomoko Yoshikawa, visiting scholar dal Giappone, e Holly Hillson, un U.Va. studente universitario, nel laboratorio di Michael Menaker, un ricercatore leader nello studio dei ritmi circadiani. Il lavoro è finanziato dall'Istituto Nazionale per la Salute Mentale.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha