Resistere Lung Cancer Ricorrenza: Vaccino Booster dà persistente risposta immunitaria

Giugno 19, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Che cosa se potessimo prevenire la recidiva del cancro per anni dopo l'intervento chirurgico, dando semplici iniezioni di richiamo ogni due o tre anni? Questo concetto potrebbe non essere più una fantasia. In uno studio clinico di un team guidato da Ludwig Institute internazionale per la ricerca sul cancro (LICR) ha dimostrato che un vaccino contro una proteina presente nelle cellule tumorali produce una risposta immunitaria che può essere potenziato e rafforzato con colpi di vaccini supplementari. I pazienti con tumore non a piccole cellule del polmone resecato (NSCLC) sono stati trattati con questo farmaco sperimentale, anche conosciuto come antigene-Specific Cancer Immunotherapeutic (ASCI), in un altro studio clinico condotto da GlaxoSmithKline. I risultati hanno mostrato una riduzione del rischio di recidiva del tumore in questi pazienti, una scoperta che ha spinto GlaxoSmithKline di avviare il più grande studio mai clinica in cancro al polmone (studio MAGRIT).

Secondo il Dr. Sacha LICR Gnjatic, l'autore senior dello studio LICR sponsorizzato, la lunga 'memoria immunologica' è esattamente ciò che il cancro immunologi sperano di vedere. "I vaccini contro le malattie infettive indurre risposte immunologiche che di solito durano per anni, e idealmente vogliamo un vaccino contro il cancro che fa la stessa cosa. Abbiamo già imparato che il nostro vaccino potrebbe stimolare una risposta immunitaria che riconosce una proteina presente nelle cellule di cancro al polmone, ma non l'abbiamo fatto so per quanto tempo la risposta è durata. Ora sappiamo che questo vaccino induce una forte e persistente immunità per diversi anni, che può essere ulteriormente 'potenziato' con la vaccinazione supplementare. "

Dr. Gnjatic ha detto che i colpi di richiamo, dato due anni dopo il primo ciclo di vaccinazioni, non solo riattivati ​​la risposta immunitaria nei pazienti che hanno ricevuto la vaccinazione di adescamento, anche diversificato i tipi di cellule immunitarie specifiche per la proteina del cancro. "Noi non abbiamo solo mantenuto il sistema immunitario interessati, abbiamo anche ottenuto di riconoscere in modo più ampio la proteina che segna la cellula come una cellula tumorale."




LICR e l'Istituto di ricerca sul cancro, sia con sede legale a New York, ha sostenuto lo studio sotto gli auspici del Cancer Vaccine Collaborative, con la componente clinica condotta dal Dr. Nasser Altorki a New York Presbyterian Hospital/Weill Medical College della Cornell University.

Vaccini contro il cancro hanno due componenti principali. Una componente, il 'adiuvante,' stimola il sistema immunitario in modo generale, e l'altro componente, il 'antigene tumorale' - in questo caso, l'antigene MAGE-A3 - dirige la risposta immunitaria specifica contro la cellula tumorale. Il mese scorso, un altro studio clinico LICR sponsorizzato all'interno del Cancer Vaccine Collaborative ha dimostrato che un vaccino contro il cancro in base l'antigene tumorale NY-ESO-1 stimolato una risposta immunitaria nelle donne con tumore ovarico. I risultati di tale studio sono stati suggestivi che una strategia di spinta simile potrebbe essere utile per la memoria immunologica a lungo termine in tale malattia anche.

Un risultato del tutto inaspettato dal presente studio è che la formulazione inital e consegna dell'antigene tumorale al sistema immunitario è critica e suggerisce che la combinazione dell'antigene con un adiuvante immunologico è fondamentale. L'originale, piccolo studio clinico, condotto tre anni fa dal Cancer Vaccine Collaborative, ha mostrato che l'adiuvante era necessaria per l'attivazione del sistema immunitario; pazienti che hanno ricevuto l'antigene solo non sono riusciti a montare risposte immunitarie specifiche. Sorprendentemente, questi stessi pazienti non anche per montare le risposte immunitarie, anche quando hanno ricevuto il vaccino completo - Adjuvant Plus antigene - come un colpo di richiamo.

"Questo è un risultato così sorprendente", afferma di LICR Dr. Lloyd Vecchio, un altro autore dello studio e direttore del Cancer Vaccine Collaborativo. "Nel campo del vaccino, booster sono dati per convertire reazioni negative o deboli di quelli positivi, e abbiamo davvero pensato che avremmo visto la stessa cosa. Una possibilità interessante è che i meccanismi di regolazione sono stati attivati ​​a seguito della risposta originale deboli indotta dal vaccino senza adiuvante . Questi risultati avranno certamente conseguenze per tutto il campo per determinare la formulazione e la consegna di futuri vaccini contro il cancro. "

Questa ricerca è stata pubblicata on line la settimana del 4 febbraio dai Proceedings della National Academy of Sciences USA.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha