Riammissioni frequenti in mese dopo la dimissione ospedaliera

Marzo 29, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

A seguito di ospedalizzazione per infarto, insufficienza cardiaca, o polmonite, i pazienti sono ad alto rischio di essere riammesso per un ampio spettro di condizioni mediche nel mese successivo a dimissione ospedaliera, di ricerca presso la Yale School of Medicine spettacoli. Lo studio appare, in questo numero del Journal of American Medical Association.

Ospedale di riammissione ha raccolto un notevole interesse da parte dei sostenitori dei pazienti, contribuenti come le compagnie di assicurazione, e politici, ma né i tempi né cause di ricoveri sono stati ben descritti.

Gli autori hanno studiato i pazienti più anziani con la tradizionale assicurazione sanitaria Medicare che sono stati riammessi entro 30 giorni dopo il ricovero per gli attacchi cardiaci, insufficienza cardiaca, o polmonite dal 2007 al 2009.




Riammissioni erano frequenti per tutto il mese dopo il ricovero e il risultato di un ampio spettro di condizioni mediche, indipendentemente dall'età, sesso o razza del paziente, o il tempo dal momento della dimissione dall'ospedale del paziente. Nella grande maggioranza dei casi, riammissione era per una condizione medica che è diversa dalla causa di ospedalizzazione iniziale.

"Per ridurre riammissioni, i medici e gli ospedali dovrebbero progettare interventi che si applicano ampiamente su più potenziali condizioni mediche e periodi di tempo associati riospedalizzazione," ha detto l'autore dottor Kumar Dharmarajan, visiting scholar presso la Yale School of Medicine e cardiologia fellow presso la Columbia University Medical Center. "Interventi che sono specifici per particolari malattie o periodi di tempo può rivolgere solo una frazione di pazienti a rischio di riospedalizzazione. Dobbiamo essere più olistico nel nostro approccio."

"Stiamo ora riconoscere che dopo aver lasciato i pazienti dell'ospedale potrebbe essere entrata in un periodo transitorio di rischio generalizzata", ha detto l'autore senior Dr. Harlan Krumholz, la Harold H. Hines, Jr. Professore di Medicina (cardiologia) e professore di medicina investigativo e della sanità pubblica (politica sanitaria); direttore del Programma Scholars Clinica; e direttore del Centro Ospedaliero Yale-New Haven per Outcomes Research and Evaluation. "I pazienti devono sapere che sono a rischio di riospedalizzazione da una grande varietà di condizioni mediche."

Altri autori dello studio includono Angela F. Hsieh, Zhenqiu Lin, Hйctor Bueno, Joseph S. Ross, Leora I. Horwitz, Josй Augusto Barreto-Filho, Nancy Kim, Susannah M. Bernheim, Lisa G. Suter, e Elizabeth E. Drye.

Questo studio è stato finanziato da sovvenzioni 1U01HL105270-02 e T32HL007854 dal National Heart, Lung, and Blood Institute.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha