Ricercatori Cedars-Sinai identificare un gene che causa la resistenza all'insulina nei messicani americani

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

LOS ANGELES (29 dicembre 2003) - Per oltre un decennio, gli scienziati hanno saputo che la resistenza all'insulina - una sindrome in cui il corpo non risponde come dovrebbe all'insulina - è legata allo sviluppo di malattie cardiache, diabete, ipertensione pressione, l'obesità e la sindrome dell'ovaio policistico. In effetti, uno su quattro americani adulti ha insulino-resistenza, con gli americani messicani che hanno la più alta prevalenza. Ma perché le persone con insulino-resistenza sono così probabilità di sviluppare malattie come il diabete e le malattie cardiache, gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione su indagare se un'anomalia genetica comune può essere coinvolto.

Ora, i ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center, in collaborazione con gli investigatori a UCLA, hanno scoperto che lipoproteina lipasi (LPL), un gene che controlla la consegna di acidi grassi a muscoli e tessuti del corpo, è legata alla resistenza all'insulina in Messico -Americans. I loro risultati, riportati nel numero di gennaio di diabete, possono consentire agli scienziati di progettare terapie che hanno come target LPL per prevenire la resistenza all'insulina, una condizione stime, interessa oltre l'80 per cento dei 16 milioni di americani con diabete di tipo 2, e altri milioni a rischio per il cuore malattia.

"Questo è il primo studio a dimostrare definitivamente che LPL è un gene per la resistenza all'insulina comune", ha detto Jerome I. Rotter, MD, Direttore della Divisione di Genetica Medica e Direttore del Programma di Genetica delle malattie comuni al Cedars-Sinai Medical Center.




Negli ultimi anni, LPL è emerso come un probabile "candidato gene" per studiare per l'insulino-resistenza, perché alcuni studi hanno collegato ad alta pressione sanguigna, l'obesità, e l'aterosclerosi (depositi di grasso nelle arterie) - che sono associati con l'insulina sindrome di resistenza. Ma gli studi erano piccoli, usati limitate test diagnostici, e guardavano solo piccole porzioni del gene LPL.

Per determinare se LPL era direttamente legata alla resistenza all'insulina, ricercatori sotto la direzione del Dr. Rotter, condotto il primo studio a esaminare una popolazione di grandi dimensioni, ad alto rischio di messicano-americani con i più precisi test diagnostici e genetici: il morsetto di glucosio, il più test diagnostico preciso, accoppiato con l'analisi del DNA dei pazienti per un gruppo di sei dei marcatori più comuni gene LPL in questa popolazione chiamata aplotipi. Come indicatori di LPL, questi aplotipi funzione simile a un "codice a barre" e identificare tutte le principali variazioni o differenze di LPL in una popolazione che potrebbe essere associata con la malattia. In questo studio di messicano-americani, sono stati osservati otto aplotipi differenti.

Nello studio, 291 adulti figli di genitori con malattie cardiache documentata (112 uomini e 179 donne) sono stati testati per sei marcatori LPL specifici e sottoposto alla prova di clamp glicemico ricevere un'infusione di insulina in un braccio nel corso di un periodo di due ore. I pazienti erano poi anche campioni di sangue prelevati dal braccio di determinare la quantità di glucosio era presente nel sangue. Il paziente è stato trovato per essere resistenti meno insulina quando i campioni presentavano livelli di zucchero nel sangue anche quando è stato aggiunto il glucosio, che indica che le cellule sono state prendendo il glucosio. Tuttavia, se poco o niente il glucosio necessario da aggiungere, quindi il paziente era resistente all'insulina, perché i livelli di zucchero nel sangue sono troppo elevati, indicando che le cellule non sono state usando come dovrebbero.

"La tecnica di clamp glicemico è considerato il 'gold standard' per testare la resistenza all'insulina, perché fornisce la valutazione più diretta dell'azione di insulina rispetto ai test più semplici che misurano i livelli di glucosio o insulina, mentre il paziente è a digiuno", ha commentato il dottor Rotter.

Per determinare se l'insulino-resistenza, misurata dalla pinza glucosio, era legato a certe variazioni o aplotipi sul gene LPL, i ricercatori hanno poi esaminato il livello di resistenza all'insulina per ciascuno degli otto aplotipi LPL osservati in questa popolazione. Essi hanno scoperto che un particolare aplotipo (designato come aplotipo 4) è stato associato con un alto livello di insulino-resistenza, mentre un altro aplotipo (aplotipo 1) è stato collegato con bassi livelli di insulino-resistenza.

"Il nostro studio ha dimostrato che due aplotipi separate di LPL erano legati a bassi o alti livelli di insulino-resistenza, confermando che il gene LPL gioca un ruolo nel determinare la resistenza all'insulina in questa popolazione di messicani americani", ha detto il dottor Rotter.

I ricercatori hanno analizzato porzioni più grandi (aplotipi) del gene LPL, invece di guardare solo uno o due varianti (polimorfismi) del gene perché aplotipi rappresentano la maggioranza di variazione comune tramandata nelle famiglie, che comprende le sezioni del gene che sono rimasti ininterrotta per evoluzione nel tempo. Di conseguenza, aplotipi sono più probabilità di individuare le associazioni di malattia di variazioni del gene singoli. Tra i 291 pazienti tipizzati per i marcatori aplotipi LPL, sono stati trovati 40 pazienti di portare Haplotype 4, il marcatore gene legato alla resistenza all'insulina, mentre 239 portato Haplotype 1, che è associato con un basso livello di resistenza all'insulina.

"Questa scoperta è importante perché fornisce la prova diretta che LPL è un gene di resistenza all'insulina, mostrando che aplotipi LPL sono collegati con una misurazione quantitativa diretta della resistenza all'insulina nei messicani americani", ha detto il dottor Rotter. "La forza di questa indagine è che abbiamo esaminato una popolazione ad alto rischio per la sindrome di insulino-resistenza, che direttamente misurato la sensibilità all'insulina dallo studio di clamp glicemico, e che abbiamo combinato questo con la potenza di una analisi basata aplotipo-".

Studi futuri studiare la variazione effettiva nel gene LPL e come influenza la resistenza all'insulina.

###

Cedars-Sinai Medical Center è uno dei più grandi non-profit centri medici accademici in Stati Uniti occidentali. Per il quinto biennio dritti, Cedars-Sinai è stato nominato gold standard della Southern California di assistenza sanitaria in un sondaggio indipendente. Cedars-Sinai è internazionalmente noto per la sua capacità di diagnosi e di trattamento e la sua vasta gamma di programmi e servizi, così come svolta nella ricerca biomedica e superlativo formazione medica. Nominato uno dei 100 "Most Wired" ospedali nella sanità, nel 2001, il Medical Center si posiziona tra i primi 10 non ospedali universitari e la nazione per la sua attività di ricerca.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha