Ricercatori scoprono gene che causa la leucemia nei bambini con sindrome di Down

Giugno 14, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori dell'Università di Chicago hanno identificato un difetto genetico che causa lo sviluppo di leucemia nei bambini con sindrome di Down. La scoperta, in programma per la pubblicazione anticipata online sul sito di Nature Genetics il 12 agosto, potrebbe accelerare la diagnosi e fornire un nuovo bersaglio per la terapia.

I bambini con sindrome di Down sono da 10 a 20 volte più probabile che, come i bambini non affetti di sviluppare la leucemia. Sono più comunemente sviluppano un tipo conosciuto come leucemia acuta megacarioblastica (AMKL), che è estremamente raro nei bambini senza sindrome di Down.

"Questo studio, per la prima volta, definisce una parte del percorso molecolare che porta alla leucemia acuta megacarioblastica," ha dichiarato John Crispino, Ph.D., professore assistente nel maggio all'Istituto Ben for Cancer Research presso l'Università di Chicago e direttore del lo studio. "Avere tre copie del cromosoma 21 posti bambini con sindrome di Down ad aumentato rischio di leucemia, allora suggerimenti questa anomalia la bilancia verso AMKL."




"Questa è una neoplasia rara", ha aggiunto il co-autore Michelle Le Beau, Ph.D., professore di medicina presso l'Università ", ma una grande quantità di quella che oggi conosciamo le basi molecolari del cancro è venuto da disturbi come questo . La nostra scoperta individua un percorso specifico che porta a questo tipo di cancro, offre un metodo per la diagnosi rapida e precisa, e suggerisce modi più mirate per il trattamento di questa malattia. "

A differenza di molti studi, che iniziano con una malattia quindi cercare il trigger genetica, questo è iniziato con un gene sospetto. Laboratorio di Crispino era interessato in un gene chiamato GATA1 per anni, perché ha svolto un ruolo nella maturazione delle cellule del sangue.

Dr. Crispino ipotizzato che GATA1 potrebbe essere mutato o deregolazione in leucemia. Ha contattato Le Beau, un esperto di genetica di leucemia. Dopo aver identificato un paziente con sindrome di Down che aveva una mutazione in GATA1 e aveva la leucemia acuta megacarioblastica in un piccolo studio pilota hanno iniziato la ricerca di altri pazienti affetti da leucemia infantile e una copia di questo gene anormale.

Quando hanno guardato il DNA di 75 pazienti con vari tipi di leucemia mieloide e 21 persone sane, hanno scoperto che sei su sei pazienti con sindrome di Down e la leucemia acuta megacarioblastica avevano un'alterazione in GATA1. Nessuno degli altri pazienti esaminati aveva una versione anormale di questo gene.

GATA1 è un fattore di trascrizione; controlla l'espressione di altri geni. Normalmente funziona per regolare i geni che controllano la produzione di celle e piastrine rosse, che permettono al sangue di trasportare ossigeno e di coagulo. Precedenti studi su topi avevano dimostrato che la perdita di GATA1 causato le cellule che danno origine a piastrine a proliferare eccessivamente.

Il gene GATA1 anomalo, che si trova nei pazienti affetti da leucemia, produce una proteina con un pezzo mancante. La proteina incompleta sembra essere molto meno efficace nel regolare geni bersaglio, causando un risultato che è simile ad avere nessuna proteina GATA1 affatto.

"GATA1 è solo una parte della storia", ha detto Crispino, "ma è un importante primo passo che ci deve portare al resto del percorso." Gli autori sospettano che richiede diverse anomalie genetiche che lavorano in tandem per causare la leucemia acuta megacarioblastica a pieno titolo e che sono alla ricerca di altri geni che si combinano con GATA1 per innescare questa malattia.

Finanziamento per questo studio è stato fornito dal Wellcome Foundation Burroughs, l'anemia aplastica e MDS International Foundation, la Fondazione di ricerca sul cancro e la Fondazione Picower. Ulteriori autori includono Joshua Wechsler, Marianne Greene e John Anastasi dell'Università di Chicago; Michael McDevitt della Johns Hopkins University; e Judith Karp dell'Università del Maryland.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha