Ricercatori scoprono geni coinvolti nel cancro del polmone Mutato; Uno Influisce Non fumatori

Aprile 28, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le mutazioni nel recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) gene sono presenti principalmente negli adenocarcinomi, la forma più comune di cancro del polmone si trovano in fumatori e non fumatori, ma anche di donne e le persone sotto i 45. Queste mutazioni hanno dimostrato una maggiore sensibilità al gefitinib ( Iressa) ed erlotinib (Tarceva), farmaci mira il gene.

Per comprendere meglio il ruolo della mutazione EGFR nello sviluppo del cancro del polmone, il dottor Gazdar ei suoi colleghi hanno analizzato tessuto samplesfrom tumori primari di 519 pazienti negli Stati Uniti, Giappone, Taiwan e Australia. Le mutazioni nel DNA del tessuto polmonare nonmalignant da molti di questi pazienti e da altri tessuti tumorali separata anche stati esaminati.




I ricercatori hanno scoperto mutazioni nel gene EGFR erano molto più comuni:

* Nelle persone con cancro del polmone che non hanno mai fumato rispetto ai fumatori (51 per cento contro il 10 per cento, 85 su 166 fumatori vs 35 di 353 fumatori); * In adenocarcinomi rispetto ad altri tipi di tumore del polmone (40 per cento contro il 3 per cento, 114 su 289 adenocarcinomi vs 6 di 230 altri tipi di tumore); * Nelle donne rispetto agli uomini (42 per cento vs 14 per cento, 72 delle 171 donne vs 48 su 348 uomini); * In pazienti di origine asiatica, rispetto ad altre etnie (30 per cento contro l'8 per cento, 107 dei 361 asiatici vs. 13 di 158 in altre etnie).

Le mutazioni nel gene KRAS - un gene EGFR nel percorso di segnalazione - sono stati trovati in8 per cento dei tumori al polmone, ma in nessuno con la mutazione EGFR. Questa mutazione era più comune nei maschi, di razza caucasica, e attuali o ex fumatori.

Di conseguenza, sembra che due vie molecolari distinte sono coinvolti nella formazione del cancro del polmone, Dr. Gazdar detto. Il percorso nei fumatori coinvolge le mutazioni del gene KRAS, mentre il percorso in persone che non hanno mai fumato comporta mutazioni del gene EGFR.

Il passo successivo è quello di spostare questi risultati verso lo sviluppo di migliori trattamenti per il cancro del polmone, ha detto il dottor Gazdar.

Lui e il dottor John Minna, direttore del WA "Tex" e Deborah Moncrief Jr. Center for Cancer Genetics e il Centro per Hamon terapeutiche Oncologia ricerca e uno degli autori, hanno istituito otto linee di cellule di cancro al polmone che ospitano diversi tipi di mutazioni EGFR e sono ora stabilire un'altra linea da un paziente che recidivato dopo aver inizialmente rispondendo bene al farmaco gefitinib.

"Queste linee si rivelerà prezioso per comprendere sia la risposta a gefitinib ed erlotinib e dei meccanismi attraverso i quali la resistenza alla fine si sviluppa", ha detto il dottor Gazdar. "Le linee cellulari può aiutare a identificare le strategie per superare questa resistenza ai farmaci che si sviluppa poi nella maggior parte dei rispondenti."

Uno studio correlato, in questo numero di Cancer Research con il Dr. Gazdar ei suoi colleghi hanno scoperto che mutazioni EGFR e HER2, un altro gene nel percorso EGFR che è associato con alcuni tipi di cancro, di mira gli stessi sottopopolazioni di pazienti. La scoperta che HER2 è anche una mutazione che si verifica principalmente nei tumori di persone che non hanno mai fumato suggerisce percorsi diversi possono essere coinvolti nella formazione del cancro del polmone nei fumatori e non fumatori.

"Il nostro lavoro è molto importante perché se si dispone di una mutazione nel gene EGFR nel tumore, un paziente probabilmente avrà una risposta drammatica a una terapia orale una volta al giorno relativamente non tossico", ha detto il dottor Minna. "La ricerca ha trovato questi tumori possono variare di parecchi mille in quanto sono sensibili a un farmaco", ha detto il dottor Minna. "Abbiamo anche potuto identificare preventivamente un modello di espressione genica che indica se un tumore sta per essere resistente o sensibile a un particolare farmaco. Vogliamo essere in grado di esaminare tumore di un paziente, il profilo ciascun gene umano e quindi selezionare la migliore terapia in corso. "

Dr. Minna e il dottor Jonathan Dowell, assistente professore di medicina interna, hanno contribuito ad un editoriale del 24 febbraio numero di The New England Journal of Medicine commentando uno studio diretto da Dana Farber Cancer Research Center. Ricercatori vi trovarono un cancro polmonare che inizialmente era molto sensibile al gefitinib causa di una mutazione nel gene EGFR sviluppato resistenza al farmaco causa di una seconda mutazione EGFR.

La migliore comprensione di EGFR e queste mutazioni riportati nello studio NEJM permetterà nuovi farmaci per essere progettato per combattere questi recettori resistenti ai farmaci, consentendo efficace terapia di seconda linea per poi essere diretto alla stessa destinazione, il dottor Minna ha scritto.

Altri collaboratori UT Southwestern allo studio JNCI erano Dr. Joachim Herz, professore di genetica molecolare del Centro di Neuroscienze di base; Dr. Hisayuki Shigematsu e Dr. Masaharu Nomura, i ricercatori post-dottorato, e il Dr. Takao Takahashi, ex ricercatore post-dottorato, tutti nel centro Hamon per gli agenti terapeutici Oncology Research. Ricercatori provenienti da UT MD Anderson Cancer Center di Houston hanno contribuito, oltre che gli investigatori a Seattle, Giappone, Taiwan e Australia.

La ricerca è stata sostenuta da sovvenzioni dal NCI e Bristol-Myers Squibb.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha