Ricercatori scoprono nuovo approccio per il controllo di infezioni da C. difficile mortali

Maggio 12, 2015 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, la ricerca rivela per la prima volta come anticorpi riconoscono due proteine ​​della malattia centrali tossina - tossina A (tcdA) e la tossina B (tcdB).

Queste nuove informazioni offre interessanti opportunità per la creazione di una nuova generazione di anticorpi ingegnerizzati che sarà più efficace nel prevenire le tossine di danneggiare l'intestino durante il corso normale della malattia.




"La nostra ricerca è un passo importante verso lo sviluppo di metodi altamente specifici per il trattamento di questa malattia molto comune e grave", dice Kenneth Ng, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Biologiche presso l'Università di Calgary e autore senior dello studio.

C. difficile causa una delle infezioni nosocomiali più frequenti e problematici in tutto il mondo. L'infezione si trasmette prevalentemente all'interno di strutture sanitarie, e provoca estrema diarrea e potenzialmente fatale infiammazione del colon.

Uno studio ospedale canadese ha scoperto che dei 136.877 ricoveri ospedalieri, 1 su 100 pazienti di contrarre l'infezione da C. difficile, e di questi, 1 in 10 moriranno indipendentemente dalle ragioni iniziali per l'ammissione. La malattia è più frequentemente visto in adulti più anziani che assumono antibiotici e ottenere assistenza medica. Costi sanitari annuali sono stimati a diversi miliardi di dollari in tutto il mondo.

I principali risultati della carta derivano dalle strutture tridimensionali dei complessi anticorpo-tossina che sono stati determinati utilizzando cristallografia a raggi X da Tomohiko Murase, Luiz Eugenio e Melissa Schorr nel laboratorio del dottor Ng.

I complessi anticorpo-tossina sono stati sviluppati utilizzando anticorpi singolo dominio derivati ​​da lama.

"Le dimensioni ridotte degli anticorpi lama rispetto agli anticorpi monoclonali attualmente utilizzati per la diagnostica o in fase di sviluppo per la terapia aiuta molto con la determinazione della struttura e l'ingegneria delle proteine", spiega Ng. "Partendo da queste strutture, stiamo creando anticorpi modificati per migliorare i trattamenti per il futuro."

"La ricerca biologica di base sulla lama, cammelli e squali ha portato alla scoperta di un tipo più piccolo di anticorpi con una struttura più semplice,", aggiunge Ng. "E 'questa struttura più semplice che ci permette di fare modifiche e di effettuare molti studi dettagliati che non sono facilmente fatto con altri tipi di anticorpi.

Le caratteristiche uniche di questi anticorpi a singolo dominio forniscono un approccio interessante per lo sviluppo di nuovi trattamenti per C. difficile ".

Secondo Ng, anche se la ricerca è a livello scienza fondamentale, le nuove strutture forniscono un modello per la progettazione di nuove molecole che possano neutralizzare le tossine batteriche più efficace di qualsiasi attualmente disponibili.

Questo progetto si basava su importanti contributi da Elena Kitova in gruppo spettrometria di massa di John Klassen presso il Centro Glycomics Alberta, presso l'Università di Alberta, così come da Greg Hussack in anticorpi gruppo terapie di Jamshid Tanha presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche in Ottawa.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha