Ricercatori scoprono romanzo predittore di rischio di progressione MDS

Maggio 8, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Moffitt Cancer Center e colleghi hanno scoperto che i cambiamenti nelle caratteristiche fisiche del cellule T effettrici normativo di memoria in grado di prevedere il rischio di progressione di sindromi mielodisplastiche (SMD) a leucemia mieloide acuta. La scoperta potrebbe migliorare la prognosi per i pazienti con MDS e informare meglio il processo decisionale terapeutico.

Lo studio pubblicato nel numero di agosto del Journal of Immunology.

La consapevolezza della condizione di aumentato all'inizio di quest'anno quando "Good Morning America" ​​co-conduttore della ABC Robin Roberts ha annunciato che sta combattendo MDS. Precedentemente noto come pre-leucemia, MDS è un insieme di malattie del sangue. Uno su tre pazienti con MDS sviluppa insufficienza del midollo osseo e progredisce a leucemia mieloide acuta nei primi anni dopo la diagnosi.




MDS comporta la produzione inefficace di globuli nel midollo osseo e spesso lascia i pazienti anemici e ha bisogno di frequenti trasfusioni di sangue.

La malattia può svilupparsi in seguito a chemioterapia o radioterapia per il trattamento del cancro, oppure può essere relativa a insufficienza midollare derivante da trasfusioni frequenti e sovraccarico di ferro successivo. Perché il corpo non ha mezzi naturali per ridurre il ferro che si accumula da trasfusioni ripetute, gli organi di un paziente può diventare sovraccarico di ferro, che porta a insufficienza cardiaca, danno epatico, suscettibilità alle infezioni e altre complicazioni. Il trapianto di midollo osseo può essere necessario.

Cercando di capire di più sullo sviluppo di MDS, ricercatori Moffitt ei loro colleghi hanno studiato gli aspetti del sistema immunitario, in particolare il ruolo delle cellule T regolatorie, noto anche come Tregs. Tregs, hanno detto i ricercatori, sono giocatori ben definiti nel tumore invasione immunitaria nei tumori solidi, ma poco si sa circa il ruolo Tregs giocare in malattie umane pre-maligne.

"Abbiamo studiato un sottoinsieme Treg chiamato 'memoria effettrici Tregs,'", ha detto il senior autore Pearlie K. Epling-Burnette, Pharm.D., Ph.D., membro senior del dipartimento di immunologia di Moffitt. "Abbiamo scoperto che i cambiamenti nelle caratteristiche fisiche, o fenotipi, di Tregs in MDS suggeriscono che essi possono essere di recente attivate in modo simile alle cellule T di memoria effettrici. Guardando memoria effettrici del paziente cellule Treg, siamo stati in grado di identificare i pazienti a più alto rischio per MDS progressione ".

Un aumento effettrici memoria Tregs probabilmente riflette la soppressione immunitaria attiva e può rappresentare il primo biomarcatore che indica la conversione di un microambiente immunosoppressivo, hanno detto i ricercatori.

Il team ha concluso che le modifiche alla memoria effettrici Treg fenotipo può anche essere uno strumento utile per identificare i pazienti con sindromi mielodisplastiche che possono rispondere a specifiche classi di farmaci. Questo renderebbe l'inclusione dello stato Treg di un paziente in modelli prognostici e trattamento potenzialmente utili per informare le decisioni terapeutiche per i pazienti con MDS.

"Il nostro studio mette in luce un aspetto unico di cellule T e immunità in un modello pre-maligna della malattia e, in particolare implica l'importanza delle modifiche alla memoria effettrici Tregs," ha concluso i suoi co-autori Epling-Burnette e. "I nostri risultati implicano specificamente effettori espansione Treg nella progressione della malattia in MDS."

Lo studio è stato finanziato da sovvenzioni dal National Institutes of Health (R01 CA129952 di Grant) e Genzyme Corporation.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha