Ricercatori sviluppano metodo di indirizzare le cellule staminali per aumentare la formazione ossea e resistenza ossea

Maggio 19, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"Ci sono molte cellule staminali, anche in persone anziane, ma non facilmente migrare a osso", ha detto Wei Yao, il ricercatore principale e autore principale dello studio. "Trovare una molecola che si attacca alle cellule staminali e le guide per gli obiettivi di cui abbiamo bisogno è una vera svolta."

I ricercatori stanno esplorando le cellule staminali come possibili trattamenti per una vasta gamma di condizioni e lesioni, che vanno dalla malattia periferica dell'arteria e la degenerazione maculare di malattie del sangue, le ferite della pelle e organi malati. Direzione cellule staminali per viaggiare e aderire alla superficie dell'osso per la formazione delle ossa è stato tra gli obiettivi sfuggenti nella medicina rigenerativa.




I ricercatori hanno fatto uso di una molecola ibrida unica, LLP2A-alendronato, sviluppato da un gruppo di ricerca guidato da Kit Lam, professore e presidente della Davis Dipartimento di Biochimica e Medicina Molecolare UC. Molecola ibrida I ricercatori si compone di due parti: la parte LLP2A che si attacca alle cellule staminali mesenchimali del midollo osseo, e una seconda parte che consiste del farmaco alendronato osso homing. Dopo la molecola ibrida è stato iniettato nel flusso sanguigno, raccolse cellule staminali mesenchimali del midollo osseo e diretto quelle cellule alle superfici di osso, in cui le cellule staminali effettuate loro funzioni osso-formazione e riparazione naturali.

"Il nostro studio conferma che le molecole di cellule staminali vincolanti possono essere sfruttati per indirizzare le cellule staminali a siti terapeutici all'interno di un animale", ha detto Lam, che è anche un autore di questo articolo. "Esso rappresenta un passo molto importante per rendere questo tipo di terapia con cellule staminali una realtà."

Dodici settimane dopo la molecola ibrida è stato iniettato in topi, massa ossea nel femore (osso della coscia) e vertebre (nella colonna vertebrale) e maggiore resistenza ossea miglioramento rispetto ai topi di controllo che non hanno ricevuto la molecola ibrida. Topi trattati che erano normalmente di un'epoca in cui la perdita ossea si sarebbe verificato anche ha migliorato la formazione ossea, così come quelli che sono stati i modelli per la menopausa.

Alendronato, conosciuto anche con il nome di marca Fosamax, è comunemente assunto da donne con osteoporosi per ridurre il rischio di fratture. Il gruppo di ricerca incorporato alendronato nelle molecole ibride perché una volta nel sangue, va direttamente alla superficie dell'osso, dove rallenta la velocità di distruzione dell'osso. Secondo Nancy Lane, un co-investigatore dello studio e direttore delle Malattie UC Davis muscoloscheletrico su Aging Research Group, la dose di alendronato nel composto ibrida è stata bassa ed è improbabile che hanno inibito l'effetto terapeutico del compound.

"Per la prima volta, forse abbiamo potenzialmente trovato un modo per indirizzare le cellule staminali di una persona alla superficie dell'osso dove possono rigenerare l'osso", ha detto Lane, che è un Dotati Professore di Medicina e Reumatologia e un esperto di osteoporosi. "Questa tecnica potrebbe diventare una nuova terapia rivoluzionaria per l'osteoporosi, nonché per le altre condizioni che richiedono la formazione di osso nuovo."

L'osteoporosi è un importante problema di salute pubblica per 44 milioni di americani. Uno su due donne subiranno una frattura a causa dell'osteoporosi nella loro vita. Nonostante i medicinali efficaci sono disponibili per aiutare a prevenire il rischio di frattura, tra cui l'alendronato, il loro impiego è limitato dalla potenziali effetti nocivi di uso a lungo termine.

Le principali cause di osteoporosi nelle donne includono carenza di estrogeni, l'invecchiamento e l'eccesso di steroidi da trattamento di patologie infiammatorie croniche come l'artrite reumatoide. In generale, l'osteoporosi generato da queste condizioni metaboliche risultati dal cambiamento del ciclo di rimodellamento osseo che indebolisce l'architettura del tessuto osseo e aumenta il rischio di fratture.

Le cellule staminali mesenchimali dal midollo osseo inducono nuovo rimodellamento osseo, che addensare e rafforzare l'osso.

Gli autori hanno osservato che l'uso potenziale di questa terapia cellule staminali non è limitato a trattamento dell'osteoporosi. Hanno detto che potrebbe rivelarsi prezioso per altre patologie e condizioni che potrebbero beneficiare di una maggiore ricostruzione ossea, quali fratture ossee, infezioni ossee o trattamenti contro il cancro.

"Questi risultati sono molto promettenti per la traduzione in terapia umana", ha detto Jan Nolta, professore di medicina interna, un autore dello studio e direttore del Davis Institute UC per rigenerativi Cure. "Abbiamo dimostrato che questo potenziale terapia è efficace nei roditori, e il nostro obiettivo ora è quello di spostare in studi clinici."

Finanziamento per lo studio è venuto dal Endowment su Healthy Aging e il National Institutes of Health. Il California Institute for Regenerative Medicine ha dato alla squadra un contributo di pianificazione per sviluppare una proposta di test clinici sull'uomo.

"Questa ricerca è stata una collaborazione di biologi delle cellule staminali, biochimici, scienziati traslazionali, un biologo osso e medici", ha detto Lane. "E 'stato un lavoro di squadra davvero fruttuoso con risultati notevoli."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha