Ricercatori sviluppano modello per aiutare a controllare West Nile Outbreak

Agosto 20, 2015 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una Università di Alberta ricercatore ha sviluppato il primo modello per predire il rischio di virus del Nilo occidentale in America del Nord - uno strumento che potrebbe aiutare a prevenire la malattia infettiva di diventare un focolaio.

Dr. Marjorie Wonham e il suo gruppo di ricerca del Centro di Biologia Matematica presso l'Università di Alberta, hanno creato un semplice modello matematico con i conteggi di uccelli morti raccolti a New York nel 2000. La sua ricerca è stata pubblicata nel numero corrente della Royal Society of diario di Londra Proceedings B. Tomas de-Camino Beck e Mark Lewis sono co-autori sulla carta.

Virus West Nile è una malattia infettiva emergente in America del Nord che si diffonde principalmente attraverso il contatto tra uccelli e zanzare. Può essere letale per gli uccelli, i cavalli e gli esseri umani. Uno dei principali risultati dal lavoro di Wonham è che il caso di un attacco di virus è diminuito di zanzare eliminando ma è in realtà aumentato rimuovendo uccelli. Il modello fornisce un nuovo metodo di analisi per la determinazione necessari livelli di controllo della zanzara.




"Questo virus è endemico e stiamo probabilmente mai andare a sbarazzarsi di tutto, se diciamo che stiamo andando a uccidere tutte le zanzare in tutto il mondo - che non succederà", ha detto Wonham. "Quello che questo lavoro non fa altro che dire solo ciò che è necessario percentuale di zanzare uccidere per mantenere il virus sotto un focolaio. Si tratta di un primo passo verso una gestione efficace."

Il gruppo di ricerca istituito i valori dei parametri da articoli scientifici pubblicati sulla biologia delle zanzare, corvo biologia e West Nile biologia. Al fine di una regione specifica per utilizzare questo modello, i funzionari potrebbero adattare tali parametri come durata della vita della zanzara, tasso di mordere e durata corvo ai dati nella loro area. Ad esempio, dal momento che l'estate in Edmonton è breve e secco, il ciclo di vita delle zanzare potrebbe essere molto diverso da quello a più lungo, l'estate più umida di New York.

Attualmente le zanzare vengono uccisi attraverso l'applicazione di larvicidi chimici all'acqua, colmando le zone umide per rimuovere l'habitat e come ultima risorsa, spruzzare sostanze chimiche per uccidere specie adulte.

"Dal momento che l'applicazione di prodotti chimici e di riempimento nelle zone umide costa soldi e provoca danni ambientali, si potrebbe idealmente utilizzare la quantità minima di controllo che sarebbe ancora efficace nel prevenire epidemia", ha detto Wonham. "Il nostro modello permette di calcolare la popolazione di zanzare soglia per West Nile scoppio -.. Basta tenerli sotto del livello di soglia Questo significa, ci auguriamo, un danno costo economico minimo e ambientale, pur evitando epidemia"

I modelli matematici sono stati utilizzati per la gestione di malattie come la malaria, ma questo è il primo a trattare con il West Nile.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha