Ricercatori Trova 'Key' Per Deadliest Parassita della malaria del Liberare mondo

Maggio 19, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University hanno sfruttato i risultati della loro ricerca sulla tubercolosi per realizzare una strumento per svelare i segreti di un altro dei leader infettive killer-malaria al mondo.

Questi risultati, pubblicati nel numero di agosto di Nature Methods, "dovrebbe sostanzialmente accelerare gli sforzi di ricerca per portare sotto controllo la malaria," dice il Dott David Fidock, autore senior dello studio e professore associato di microbiologia e immunologia a Einstein.

La malaria è causata da un parassita unicellulare, Plasmodium, che si trasmette attraverso il morso della zanzara Anopheles. La malattia uccide una stima di 1,2 milioni di persone ogni anno.




Gli scienziati Einstein concentrati sulla più mortale Plasmodium strain-P. falciparum-che si sta rivelando sempre più resistente al trattamento. La loro ricerca ha portato alla prima tecnica efficiente per inserire qualsiasi gene di interesse nel genoma falciparum P. per ottenere informazioni biologiche che potrebbe portare a trattamenti più efficaci.

"Questo apre una nuova finestra nella manipolazione genetica di questo parassita letale," dice il Dott William Jacobs, Jr., che è un Howard Hughes e professore di genetica molecolare e microbiologia e immunologia presso Einstein e un importante autore del Nature Methods carta. "Ricercatori malaria hanno finalmente un modo efficiente per la riproduzione casuale dei geni in P. falciparum, che dovrebbe portare a informazioni preziose sulla virulenza del parassita, come è trasmesso da zanzare all'uomo e come si sviluppa resistenza ai farmaci antimalarici."

Lo sforzo di ricerca è stata condotta principalmente da Louis Nkrumah, uno studente di MD/PhD a Einstein. Al centro di questo sforzo è stato un fago batterica (virus) che il dottor Jacobs isolato dal terreno nel suo cortile nel Bronx e soprannominato il "Bronx Bomber". Infetta Mycobacterium smegmatis, una specie batterica strettamente legati alla Mycobacterium tuberculosis, che provoca la tubercolosi. Dr. Jacobs ha usato il Bomber Bronx di acquisire importanti conoscenze su batteri della tubercolosi.

Fagi batterici sono abili ad integrare i loro geni nel DNA dei loro ospiti batterici. Fagi genere si basano su proteine ​​ospite per l'integrazione del gene. Ma il Bronx Bomber fa il lavoro da sola, utilizzando uno dei suoi enzimi. Jacobs si rese conto che questa proprietà unica del suo virus della tubercolosi potrebbe essere usato per "rottura in" altre specie-in particolare P. falciparum, microbiche che ha dimostrato notoriamente resistenti ai tentativi di sviluppare metodi efficaci di manipolazione genetica.

Ricercatori Einstein volevano vedere se potevano usare enzima del Bronx Bomber di introdurre qualsiasi gene di interesse in P. falciparum. Così foggiato un plasmide (anello circolare di DNA) contenente diversi elementi: il gene per l'enzima Bronx Bomber; una sezione di DNA che legano il plasmide ad una sezione complementare di DNA all'interno P. falciparum; e un gene marcatore fuso con una proteina fluorescente verde che illumina se il gene marcatore è diventato funzionale.

La tecnica di trasfezione Bronx Bomber dimostrato notevole successo. "Utilizzo di metodi standard di manipolazione genetica, non sapremmo per quattro o cinque mesi, che avevamo realizzato con successo una stalla ricombinante-organismo e molti esperimenti falliti," dice il Dott Fidock. "Ma con questa tecnica, i parassiti ricombinanti sono tipicamente prodotte entro due-quattro settimane, e la loro identificazione e caratterizzazione è diventato molto più snella. Questo metodo dovrebbe beneficiare in modo significativo le strategie genetiche per esplorare la biologia di questo parassita."

Gli altri ricercatori Einstein coinvolti in questo studio sono stati Rebecca A. Muhle e Pedro A. Moura. I loro collaboratori, presso l'Università di Pittsburgh, erano Pallavi Ghosh e Graham F. Hatfull.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha