Ricorrenza del cancro della prostata è significativamente più bassa negli uomini con gruppo sanguigno O

Maggio 8, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gruppo sanguigno di un uomo può influenzare la probabilità di una recidiva del cancro alla prostata dopo l'intervento chirurgico, secondo una nuova ricerca, che è stato presentato presso l'Associazione Europea di Urologia congresso a Stoccolma. Questa è la prima volta che questo rapporto è stato dimostrato.

Il cancro alla prostata è il tumore più comune negli uomini, con enormi differenze di incidenza in Europa. Per il carcinoma della prostata localizzato l'attuale trattamento "gold standard" è prostatectomia radicale (RP). Tuttavia, nonostante l'intervento chirurgico a quanto pare con successo, circa il 30% dei pazienti esperienza recidiva biochimica (indicato da un livello crescente di antigene prostatico specifico PSA) nel lungo periodo di follow-up.

Questo nuovo studio, da un team guidato dal dottor Yoshio Ohno di Tokyo Medical University, ha dimostrato che i pazienti con gruppo sanguigno O avevano un diminuito significativamente il rischio di recidiva del tumore dopo prostatectomia radicale (RP).




Il team ha esaminato 555 pazienti con carcinoma della prostata localizzato che ha subito RP tra il 2004 e il 2010. Dopo aver seguito i pazienti per una media di 52 mesi, hanno trovato che i pazienti con gruppo sanguigno O sono stati il ​​35% in meno di probabilità di avere una recidiva di cancro alla prostata rispetto paziente che aveva il gruppo sanguigno A.

Dr Ohno ha commentato:.. "Questa è la prima volta che qualcuno ha dimostrato che la ricorrenza del cancro della prostata può variare con gruppo sanguigno Naturalmente abbiamo bisogno di studi più grandi per confermare l'effetto e anche per vedere quale applicazione pratica della scoperta potrebbe avere, ad esempio, abbiamo sapere che ci sono grandi differenze razziali e geografiche nella distribuzione dei gruppi sanguigni ABO, e abbiamo bisogno di essere sicuri che questo effetto è significativo in altri gruppi.

Al momento, non sappiamo perché i rischi variano con il gruppo sanguigno, ma questo lavoro può guidarci verso nuove vie di ricerca molecolare sulla progressione del cancro alla prostata. Dobbiamo considerare che questi risultati significa in pratica, termini clinici. Ad esempio, dovremmo consigliare le persone con certi gruppi sanguigni che hanno un maggiore o minore probabilità di recidiva, e dobbiamo questi fattori di rischio essere integrato nelle decisioni sul trattamento? "

In passato, la variazione in gruppi sanguigni ABO sono stati trovati per essere associate a differenti rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, come il cancro gastrico e del pancreas, e recentemente è stato anche dimostrato che l'incidenza del cancro alla prostata varia con group2 sangue.

Commentando, EAU Segretario Generale, il professor Per-Anders Abrahamsson (Malmo) ha detto: "Questo è un primo dato interessante C'è grande variabilità geografica l'incidenza di cancro alla prostata, quindi non ci sono ovviamente forti fattori genetici in gioco i gruppi sanguigni sono già stati.. dimostrato di essere associati con l'incidenza del cancro alla prostata, non sembra che potrebbero essere associati con gli esiti del trattamento pure. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha