Ricostruzione The Evolutionary storia di HIV-1 si dipana A Loop Complex

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una componente essenziale del virus dell'immunodeficienza umana (HIV-1) macchine molecolari responsabili di cellule che infettano costituito da strati funzionalmente specializzato, secondo uno studio condotto da ricercatori della University of California di San Diego Antiviral Research Center.

La diversità genetica senza precedenti e l'adattabilità di HIV-1 ha finora sventato i migliori sforzi per sradicare l'epidemia globale di HIV/AIDS. La superficie del virus HIV-1 particelle è costellato di picchi proteici che permettono al virus di entrare nelle cellule umane. Questo studio ha esaminato una componente importante del picco monoclonale chiamato il terzo ciclo variabile (etichetta "V3").

Componenti proteiche come V3 sono problematici perché sono così diversi; fino al 35% degli aminoacidi possono differire tra ceppi di HIV-1. Esposto al anticorpi umani, V3 evolve rapidamente per evitare il sistema immunitario. Tuttavia, la funzione critica del loop V3 come un meccanismo di aggancio per l'HIV-1 di infettare le cellule devono imporre limiti su queste contorsioni evolutive. Decifrando i limiti nascosti HIV-1 evoluzione, gli scienziati sperano di facilitare lo sviluppo di farmaci antivirali e vaccini.




I ricercatori hanno sviluppato un nuovo metodo che combina tecniche di evoluzione molecolare e l'intelligenza artificiale. Hanno ricostruito la storia evolutiva sottostante 1.145 sequenze genetiche che codificano il loop V3 per scoprire gruppi di aminoacidi che erano biologicamente dipendenti l'uno dall'altro. Questi aminoacidi "co-evoluzione" formano legami in tutto il ciclo V3 come pioli di una scala a pioli, corroborando modelli da studi strutturali della stessa proteina.

I ricercatori avvertono che questo studio è stato limitato a una piccola porzione del genoma. Tuttavia, lo studio rappresenta un avanzamento significativo nella nostra comprensione di HIV-1 evoluzione e identifica obiettivi importanti nel picco monoclonale per la ricerca futura.

Journal Citation: Poon AFY, Lewis FI, Kosakovskij Stagno SL, gelo SDW (2007) Un modello evolutivo-rete rivela interazioni stratificati nel loop V3 della busta HIV-1. PLoS Comput Biol 3 (11): E231. doi: 10.1371/journal.pcbi.0030231

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha