Ridere gas non aumenta attacchi di cuore, secondo una nuova ricerca

Aprile 22, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I risultati di ricercatori della Washington University School of Medicine in St. Louis appariranno nel numero di luglio della rivista Anesthesiology.

"E 'stato conosciuto per un po' di tempo che il gas esilarante inattiva vitamina B12 e, così facendo, aumenta i livelli ematici di omocisteina amminoacido," ha detto l'autore Peter Nagele, MD, assistente professore di anestesiologia e genetica. "Questo è stato pensato per aumentare il rischio di un attacco di cuore durante e dopo l'intervento chirurgico, ma abbiamo trovato alcuna prova di che in questo studio."




L'ossido di azoto normalmente viene utilizzato come coadiuvante durante l'anestesia generale perché di per sé il farmaco non è abbastanza forte da mantenere i pazienti inconscia durante le procedure chirurgiche. L'influenza del farmaco su vitamine e omocisteina B è correlata ai suoi effetti anestetici.

Nagele ei suoi colleghi hanno seguito 500 pazienti di chirurgia presso Barnes-Jewish Hospital di St. Louis che erano stati diagnosticati con malattia coronarica, insufficienza cardiaca o di altri problemi di salute che potrebbero contribuire a un attacco di cuore. Tutti i soggetti nello studio avevano chirurgia non cardiaca e hanno ricevuto l'anestesia protossido di azoto.

I pazienti sono stati divisi in due gruppi. La metà ha ricevuto per via endovenosa di vitamina B12 e acido folico per prevenire livelli di omocisteina di salire durante l'intervento chirurgico. Gli altri non hanno ottenuto le vitamine del gruppo B per via endovenosa.

"Non ci sono state differenze tra i gruppi per quanto riguarda il rischio di attacco di cuore", ha detto Nagele. "Le vitamine B mantenuti i livelli di omocisteina di salire, ma che non influenzano il rischio di attacco di cuore."

Per rilevare attacchi di cuore durante e dopo l'intervento chirurgico, i ricercatori hanno monitorato un marker di danno cardiaco, troponina cardiaca I, per 72 ore. Un aumento dei livelli di troponina indica un danno al cuore. Ma hanno trovato alcun legame tra livelli di omocisteina e di troponina dei pazienti.

Lo studio ha anche esaminato le variazioni genetiche che naturalmente portano a elevati di omocisteina. Gli individui con varianti comuni del gene MTHFR già fanno eccesso di omocisteina. Se le persone con queste varianti quindi ottenere l'anestesia protossido di azoto, i livelli possono salire ancora più in alto.

Ma solo il 3,1 per cento dei pazienti con le varianti genetiche ad alto rischio ha avuto attacchi di cuore durante o dopo l'intervento chirurgico, rispetto al 4,7 per cento dei pazienti che non hanno avuto le varianti a rischio. Né la variazione del gene né il trattamento con vitamine del gruppo B hanno avuto un effetto sui livelli di troponina dopo l'intervento chirurgico.

"Le persone che hanno avuto la variante del gene ha fatto, infatti, sviluppare livelli molto elevati di omocisteina in risposta a protossido di azoto", ha detto Nagele. Quindi la domanda è se i pazienti potrebbero essere a più alto rischio di attacco di cuore, e che la risposta è no ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha