Riduzione del volume cerebrale In ADHD non causata da farmaci

Aprile 7, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio di 10 anni dal National Institute of Mental Health (NIMH) scienziati ha scoperto che il cervello dei bambini e degli adolescenti con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) sono 3-4 per cento più piccoli rispetto a quelli dei bambini che non hanno la malattia - e che il trattamento farmaco non è la causa. Infatti, in questo primo studio importante per la scansione di pazienti precedentemente non-medicati, hanno trovato "sorprendentemente piccoli" volumi di materia bianca nei bambini che non avevano assunto farmaci stimolanti. Eppure, nel corso dello sviluppo del cervello nei pazienti affetti da ADHD parallelo a quello di soggetti normali, suggerendo che tutto ciò che ha causato il disturbo è accaduto in precedenza. DRS. Xavier Castellanos, Judith Rapoport, NIMH Bambino Psichiatria Branch, e colleghi, relazione sulla loro risonanza magnetica (MRI) studio di 152 ragazzi e ragazze con ADHD nel 9 ottobre 2002 Journal of American Medical Association.

Che interessano 3-5 per cento dei bambini in età scolare, l'ADHD è caratterizzato da un eccesso di attività, distraibilità e impulsività. La malattia colpisce 2-3 volte più ragazzi come ragazze, con ben il 20 per cento dei ragazzi che assumono farmaci stimolanti in alcuni sistemi scolastici. Il nuovo studio rafforza la validità della diagnosi contribuendo a mettere a critiche riposo che anomalie cerebrali strutturali osservati in ADHD potrebbe essere indotta dai farmaci.

"Non ci sono prove che il farmaco danneggia il cervello", ha detto Castellanos, che ha condotto lo studio presso NIMH prima di entrare in New York University. "E 'possibile che il farmaco può favorire la maturazione del cervello."




Lanciato nel l991, lo studio ha utilizzato la risonanza magnetica per la scansione di 89 maschi e 63 femmine pazienti di età 5-18, con ADHD, e 139 per età e sesso controlli, i bambini e gli adolescenti senza ADHD. La maggior parte dei pazienti sono stati analizzati almeno due volte, e alcuni fino a quattro volte nel decennio.

Come gruppo, i pazienti affetti da ADHD hanno mostrato volumi cerebrali 3-4 per cento più piccoli, in tutte le regioni. I più gravi sintomi di ADHD di un paziente - come valutato dai genitori e medici - la più piccoli erano i loro lobi frontali, temporali materia grigia, nucleo caudato e nel cervelletto.

Mentre il volume della materia bianca 'medicati pazienti non differiva da quella dei controlli, il volume della materia bianca era anormalmente piccola in 49 pazienti mai medicati digitalizzati. Questi risultati trattenuti anche dopo che i ricercatori controllati per il fatto che i bambini non trattati tendevano ad essere più giovani.

Fibre che stabiliscono connessioni a lunga distanza neuroni 'tra le regioni del cervello, sostanza bianca normalmente addensa come un bambino cresce e rappresenta una misura della maturazione del cervello. Uno strato di isolante chiamata mielina avvolge progressivamente queste fibre nervose, rendendole più efficienti, come isolamento cavi elettrici migliora la loro conducibilità.

"I bambini con ADHD sono spesso descritti come meno mature dei loro coetanei e questo può riguardare ritardi nella maturazione materia bianca", ha spiegato Castellanos. "Anche se non sappiamo ancora se il farmaco può accelerare la crescita della sostanza bianca, sappiamo che il trattamento di bambini con i farmaci aiuta il loro comportamento quando prendono i farmaci. Non vi è alcuna prova che aiuta dopo si fermano." Gli studi su animali saranno necessari per determinare l'impatto del farmaco sulla maturazione del cervello, ha aggiunto.

In questo studio, traiettorie di sviluppo 'ADHD pazienti per quasi tutte le regioni del cervello in parallelo curve di crescita per i controlli, ma su una pista leggermente inferiore. "Processi di sviluppo fondamentali attivi durante la tarda infanzia e l'adolescenza sono essenzialmente sano ADHD," dicono i ricercatori. "I sintomi sembrano riflettere fissi insulti prima neurobiologici o anomalie." L'evidenza suggerisce che l'ADHD corre nelle famiglie e può avere radici genetiche.

Come ci si potrebbe aspettare con soggetti iperattivi, gli investigatori hanno dovuto eliminare 50 di 594 scansioni totali a causa di sfocatura da movimento nello scanner. I volumi di varie strutture cerebrali ei tessuti sono stati misurati e analizzati da un sistema automatico che incorpora più di 100 postazioni di lavoro in rete, sviluppato in collaborazione con i ricercatori presso l'Istituto Neurologico di Montreal (MNI).

Mentre il gruppo NIMH aveva precedentemente pensato che solo alcune strutture cerebrali erano più piccole in ADHD, questo grande e più sofisticato studio ha trovato che l'intero cervello è influenzato. E 'possibile che un gene recentemente scoperto che determina le dimensioni del cervello potrebbe avere un ruolo nel disordine, Castellanos suggerito. Egli sospetta anche che ciò che ora è chiamato ADHD può infine rivelarsi un gruppo di malattie con cause diverse. Per identificare questi sottotipi, suggerisce che il campo inizia a studiare "endofenotipi", fattori che possono predire il rischio di ADHD nello stesso modo che il colesterolo predice il rischio di malattie cardiache.

"MRI rimane uno strumento di ricerca e non può essere utilizzato per diagnosticare ADHD in ogni bambino, a causa della variazione genetica normale struttura del cervello," osservato Rapoport. "L'influenza misurata di ADHD sul volume del cervello può essere colta solo statisticamente tra i gruppi di bambini con e senza il disturbo."

Altri partecipanti alla ricerca sono stati: Drs. Patti Lee, Deanna Greenstein, Liv Clasen, Regina James, Jay Giedd, e Wendy Sharp, Christen Ebens, Jonathan Blumenthal, James Walter, NIMH Child Psychiatry Branch; Dr. Neal Jeffries, Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Stroke (NINDS); DRS. Alex Zijdenbos, Alan Evans, MNI, McGill University.

NIMH e NINDS fanno parte del NIH, agenzia primaria del governo federale per la ricerca biomedica e comportamentale. NIH è parte del Dipartimento di Salute e Servizi Umani.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha