Riprogrammazione identità delle cellule nella ghiandola pituitaria: scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per la malattia di Cushing

Maggio 4, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team di ricercatori del IRCM, supervisionato dal Dr. Jacques Drouin, riprogrammato l'identità delle cellule nella ghiandola pituitaria e identificato meccanismi critici della programmazione delle cellule epigenetica. Questa importante scoperta, pubblicata sulla rivista Genes & Development scientifici, potrebbe portare a nuovi bersagli farmacologici per il trattamento della malattia di Cushing.

La squadra del Dott Drouin studia la ghiandola pituitaria, che è la ghiandola principale che si trova alla base del cranio, che secerne ormoni per controllare tutte le altre ghiandole del sistema endocrino. Turbativa delle funzioni ipofisarie ha conseguenze disastrose sulla crescita, la riproduzione e il metabolismo.

All'interno della ghiandola pituitaria, ciascun ormone è prodotto dalle cellule di un lignaggio differente. Identità cellulari unici sono creati da programmi genetici specifici di cellule che vengono implementati durante lo sviluppo. Programmazione cella appropriata è un processo fondamentale che deve essere sfruttato al fine di sfruttare i benefici terapeutici della ricerca sulle cellule staminali.




Nel loro lavoro, i ricercatori hanno dimostrato che IRCM il fattore di trascrizione Pax7 ha capacità pionieristiche, che significa che è in grado di aprire la struttura della cromatina fitto di specifiche regioni del genoma. Questo smascheramento di un sottoinsieme di sequenze regolatrici del genoma cambia la risposta del genoma a segnali di differenziazione tale che si generano differenti tipi cellulari.

"Abbiamo riprogrammato l'identità delle cellule ipofisarie utilizzando il gene Pax7 per creare due differenti tipi di cellule," dice Lionel Budry, ex studente nel laboratorio del Dr. Drouin e primo autore dell'articolo. "Questo ci ha permesso di dimostrare che la proteina Tpit produce diverse linee cellulari in base alla presenza o assenza di Pax7, e il suo impatto sull'organizzazione della cromatina."

La malattia di Cushing è causata da piccoli tumori della ghiandola pituitaria che producono una quantità eccessiva di ormoni. Per i pazienti con questa malattia, la produzione di ormoni anormale può portare a ipertensione, l'obesità, il diabete e l'osteoporosi.

"Per circa il 10% dei pazienti affetti da malattia di Cushing, abbiamo scoperto che i tumori che causano la malattia contengono cellule che esprimono la proteina Pax7", spiega il Dr. Drouin, direttore dell'unità di ricerca genetica molecolare al IRCM. "Nessun trattamento farmacologico efficace attualmente esistente per la malattia di Cushing. Questa scoperta potrebbe in ultima analisi, portare allo sviluppo di tale trattamento, sulla base di crescita tumorale inibizione da ormoni, analogamente a quanto già fatto per altri tumori ipofisari come adenomi lactotrope."

Questo progetto di ricerca è stato finanziato dal Canadian Institutes for Health Research (CIHR) e la Canadian Cancer Society Research Institute. Collaboratori dal laboratorio di Jacques Drouin includono anche Aurйlio Balsalobre, Yves Gauthier, Konstantin Khetchoumian, Aurore L'Honorй e Sophie Vallette. Inoltre, gli scienziati hanno lavorato IRCM in collaborazione con ricercatori del Universitй de la Mйditerranйe e Hopital La Timone, Marsiglia in Francia e Università di Utrecht, nei Paesi Bassi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha