Rischio di infezione resistente al trattamento seguito Facelift Chirurgia

Giugno 8, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Circa la metà per cento dei pazienti sottoposti a chirurgia lifting in un centro chirurgico ambulatoriale tra il 2001 e il 2007 ha sviluppato Staphylococcus aureus (MRSA), infezioni meticillino-resistente, secondo un nuovo rapporto.

MRSA è ora una delle principali cause di infezioni nei siti chirurgici e in pelle e tessuti muscolari, in base alle informazioni in questo articolo. E 'molto più virulento di altre forme di infezione da stafilococco, si diffonde attraverso il tessuto più rapidamente, è più difficile da controllare e provoca infezioni che sono più costosi da trattare e sono associati con alti tassi di mortalità.

Richard A. Zoumalan, MD, di Lennox Hill - Manhattan Eye, orecchie e gola Hospital e New York University School of Medicine, New York, e David B. Rosenberg, MD, anche di Lennox Hill - Manhattan Eye, Ear, e gola Hospital, ha esaminato le carte di 780 pazienti sottoposti a lifting tra il 2001 e il 2007. Di questi, cinque (0,6 per cento) hanno sviluppato infezioni del sito chirurgico, e quattro di questi (0,5 per cento del totale) sono risultati positivi per MRSA. Tutte le infezioni si è verificato nel 2006.




"L'alta percentuale di infezioni da MRSA rispetto ad altri agenti patogeni è probabilmente attribuibile a una combinazione di fattori," scrivono gli autori. MRSA è un patogeno aggressivo più probabile che complicare siti chirurgici, e l'antibiotico genere prescritto dopo chirurgia è efficace contro altri tipi di batteri. "Per le infezioni del sito chirurgico, il chirurgo plastico facciale dovrebbe avere un alto sospetto di MRSA, come l'agente patogeno," continuano.

Dei quattro pazienti con infezioni da MRSA-positivi, due sono stati ricoverati in ospedale per una terapia antibiotica per via endovenosa. Entrambi avevano potenziale esposizione a MRSA prima dell'intervento chirurgico. Uno aveva trascorso del tempo con suo marito nel reparto di terapia intensiva cardiaca quattro mesi prima e l'altro aveva frequenti contatti con il fratello-in-law, un cardiologo.

"Con l'aumento della colonizzazione MRSA e infezioni, chirurghi plastici facciali eseguire lifting [lifting] e altre procedure tessuti molli potrebbero prendere in considerazione l'introduzione di protocolli di screening per identificare i pazienti che sono ad aumentato rischio di infezione", scrivono gli autori. "Durante la valutazione preoperatoria, una storia medica completa dovrebbe includere informazioni su possibili contatti preliminari con le persone ad alto rischio per il trasporto MRSA." Altri fattori di rischio significativi includono recentemente con antibiotici presi o essere stato ricoverato in ospedale, il contatto con gli operatori sanitari, le infezioni da MRSA precedenti, età avanzata, diabete, fumo e obesità.

"Perché i postumi medica, psicologica e cosmetici di infezioni della ferita può essere devastante, ogni passo appropriato deve essere usato per prevenire le infezioni della ferita in chirurgia plastica facciale," scrivono gli autori. Questo include la corretta lavaggio delle mani tra i pazienti e corsi di prevenzione di antibiotici.

Journal riferimento: Arch Facial Plast Surg. 2008; 10 [2]: 116-123.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha