Rischio di malattie cardiache stabiliti a Prima Età

Giugno 22, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Quanto prima i bambini di vita raggiungono il loro minimo indice di massa corporea (BMI) segnala potenziali fattori di rischio di malattie cardiache e può diventare evidente già dopo 7 anni, i ricercatori hanno riferito a Scientific Sessions dell'American Heart Association 2007.

I ricercatori hanno studiato "età rimbalzo BMI" - l'età in cui BMI raggiunge il suo punto più basso prima di aumentare attraverso tarda infanzia, l'adolescenza e l'età adulta.

Il nuovo studio, uno dei primi nel suo genere, ha indagato BMI età rimbalzo in 308 bambini, 158 ragazzi e 150 ragazze, cominciando all'età di 3 anni e guardò gli effetti di rischio cardiovascolari avversi all'età di 7 anni.




"L'obesità è un problema che si sviluppa nella prima infanzia e ha conseguenze cardiovascolari avversi nella prima infanzia", ​​ha detto Thomas R. Kimball, MD, senior autore dello studio e professore di pediatria presso l'Università di Cincinnati College of Medicine in Ohio.

Bambini sani sono entrati nello studio all'età di 3 anni e sono stati misurati per BMI ogni quattro mesi per i prossimi quattro anni, fino a raggiungere 7 anni La maggior parte dei bambini, soprattutto caucasici, sono stati elaborati dal Centro di assistenza primaria pediatrica all'ospedale dei bambini di Cincinnati.

Il punto più basso indice di massa corporea è di età compresa tra 4 e 7 anni. Gli studi di laboratorio effettuati a 7 anni determinati i fattori di rischio per le malattie cardiache. Ecocardiogrammi valutato massa ventricolare sinistra e la dimensione atriale sinistra.

Lo studio ha trovato in precedenza BMI età rimbalzo è stato associato a fattori avversi di rischio per le malattie cardiache, come misurato a 7 anni: più alto indice di massa corporea, maggiore pressione sistolica e diastolica, i livelli di insulina nel siero e leptina più elevati, massa ventricolare sinistra superiore e la dimensione atriale sinistra.

I bambini sono stati divisi in tre gruppi in base all'età di BMI rimbalzo:

  • All'inizio dell'età rimbalzo BMI (al di sotto del 25 ° percentile)
  • Medio BMI età rimbalzo (tra i 25 e 75 ° percentile)
  • Tarda età rimbalzo BMI (al di sopra del 75 ° percentile)

BMI età rimbalzo per i bambini nel 25 ° percentile è stato di 4,4 anni per i maschi e 4,2 anni per le ragazze. Nel 75 ° percentile, l'età BMI rimbalzo era 6,6 anni per i maschi e 5,7 anni per le ragazze.

"Lo studio implica che le ragazze possono avere prima BMI età rimbalzo rispetto ai ragazzi", ha detto Kimball. "All'inizio di età rimbalzo correla con maggiore probabilità di diventare adulti obesi, così le ragazze possono essere più a rischio di diventare adulti obesi." Jennifer Jaworski, autore principale dello studio e uno studente di medicina al terzo anno presso l'Università di Cincinnati College of Medicine in Ohio, ha detto che lei ei suoi colleghi ha trovato differenze statisticamente significative tra i bambini del 25 ° percentile BMI età rimbalzo e quelli del 75 ° percentile di BMI dell'età rimbalzo.

Prevalenza di bambini in sovrappeso negli Stati Uniti è in aumento, secondo l'Health and Nutrition Examination Survey nazionale (NHANES): in 2003--04, si stima che il 17 per cento dei bambini dai 2 ai 19 anni e il 18,8 per cento dei bambini dai 6 a 11 erano in sovrappeso (con un aumento dal 16,3 per cento nel 2001--02).

Kimball ha detto che è importante per i medici per misurare BMI e BMI età rimbalzo dei bambini più piccoli e gli adolescenti.

Kimball ha anche detto che "questi problemi di fattori di rischio sovrappeso e cardiaco iniziano in tenera età, non solo in adolescenza o adulta. Come medico e genitore, preferirei affrontare questi problemi prima che le abitudini sono impostati. Il punto cruciale di la questione è quando queste abitudini sono impostate nell'infanzia, sono difficili da rompere. Non è solo un problema del bambino, ma diventa una questione di famiglia. "

Co-autori sono Philip Khoury, M.S .; Robert Cohen, Ph.D .; e S. R. Daniels, M.D., Ph.D.

Il National Institutes of Health ha finanziato lo studio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha