Rischio statine Lower malattie cardiache nelle donne in postmenopausa

Marzo 26, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

DALLAS, 4 giugno - Il trattamento con un ipocolesterolemizzante con statine può ridurre significativamente il rischio di malattie cardiache e, eventualmente, di morte nelle donne in postmenopausa che assumono terapia ormonale sostitutiva (HRT), gli investigatori riportano nel numero di accesso rapido Circulation: Journal of American Heart Association .

Le donne che assumono statine avevano un rischio 21 per cento più basso di infarto e di morte correlata a malattie cardiache e un rischio il 33 per cento più basso di morire per qualsiasi causa nel corso di quattro anni di trattamento, rispetto alle donne che non assumevano statine. La terapia con statine è risultata associata ad un rischio 55 per cento più basso di tromboembolismo venoso (TEV, coaguli di sangue nelle vene), un problema potenzialmente pericolosa per la vita che può verificarsi in donne in terapia ormonale sostitutiva.

"Questi dati aggiungono un ulteriore supporto notevole per l'uso delle statine in donne con malattie cardiache", spiega David Herrington, MD, MHS, autore principale del rapporto. "I nostri risultati aiutano a chiarire dubbi residui sulla vera entità del beneficio statine nelle donne, perché tre studi clinici precedenti hanno prodotto risultati piuttosto divergenti."




La squadra di Herrington riesaminata dati della Heart and Estrogen/progestin Replacement Study (LEI). Lo scopo primario di lei è stato quello di valutare l'effetto della terapia ormonale sostitutiva in attacco di cuore e di morte in 2.763 donne con malattia coronarica. Il risultato principale di lei non ha mostrato alcun effetto complessivo della terapia ormonale sostitutiva sul rischio coronarico.

Nella loro rianalisi di lei dati, i ricercatori hanno esaminato in particolare i risultati di 1.004 donne che assumono un farmaco statina quando sono entrati nello studio, così come 708 che hanno iniziato la terapia con statine durante il processo. Essi hanno scoperto che le donne che assumono statine al basale o in qualsiasi momento durante il processo ha avuto un numero significativamente inferiore per la prima volta la malattia coronarica (CHD) eventi (infarto o morte CHD) rispetto a coloro che non hanno preso statine.

Le donne tra le sue che hanno preso statine per almeno tre anni ha avuto un tasso di 26 per cento più basso di infarto e di morte coronarica. L'uso di statine per meno di tre anni era associato ad una più modesta riduzione del rischio 11 per cento, rispetto agli utenti non-statine. La morte per tutte le cause è stata del 30 per cento più basso nelle donne che hanno utilizzato una statina in qualsiasi momento durante il processo LEI.

Statine hanno una capacità consolidata per ridurre il rischio di malattia di cuore negli uomini, ma fino a poco tempo gli effetti di donne erano meno chiari, dice Herrington, un professore di medicina alla Wake Forest University di Winston-Salem, NC precedenti studi di terapia con statine inclusi relativamente poche donne, e dei benefici nelle donne varia ampiamente. La sua era unico a causa del gran numero di donne disponibili per lo studio. (In seguito al suo, una sintesi preliminare dal grande Heart Protection Study ha riportato una significativa riduzione del rischio di CHD nelle donne che assumono 40 mg/die di simvastatina.)

Herrington voluto riesaminare i dati LEI per chiarire gli effetti delle statine sugli eventi cardiovascolari nelle donne e per esaminare gli effetti combinati di statine e HRT sulle morti di attacco di cuore nelle donne in postmenopausa.

Mirroring i risultati principali dello studio HERS, l'analisi statina ha dimostrato che gli utenti HRT che non stavano assumendo una statina avevano un rischio particolarmente elevato di eventi coronarici durante il primo anno dello studio - il 75 per cento più alto rispetto al gruppo placebo. Al contrario, le donne che erano in terapia ormonale sostitutiva e una statina durante il primo anno di lei avevano lo stesso rischio di eventi coronarici come il gruppo placebo.

"I dati suggeriscono che le statine potrebbero contribuire a ridurre gli effetti negativi della terapia ormonale sostitutiva, ma la constatazione previa conferma in altri studi", dice Herrington.

Alcuni scienziati si sono chiesti se la mancanza di benefici HRT sul rischio coronarico in lei era a causa del maggiore uso di statine nel gruppo placebo, dice Herrington. Per valutare l'impatto di un aumento dell'uso di statine nel gruppo placebo, i ricercatori hanno rianalizzati i dati dopo aver escluso sia le donne che hanno iniziato la terapia con statine durante il suo e le donne che hanno preso statine prima e durante il processo. Dopo statisticamente aggiustamento per uno squilibrio in uso di statine tra i gruppi di trattamento e il gruppo placebo, che ancora non hanno trovato un beneficio per la terapia ormonale sostitutiva.

"Questo studio dimostra che l'aumento l'uso delle statine nel gruppo placebo non hanno spiegato la constatazione nulla del processo LEI", dice Herrington.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha