Rispetto ai recenti ceppi di influenza 2009 H1N1 ha avuto un minor rischio di complicanze più gravi


L'analisi dei dati di casi di influenza in Wisconsin indica individui con 2.009 infezioni H1N1 erano più giovani di quelli con H3N2 (2007-2008), e che il rischio di complicanze più gravi non era maggiore nei pazienti affetti da H1N1 del 2009 rispetto agli ultimi ceppi stagionali , secondo uno studio nel numero di settembre 8 del JAMA.

"Il 2009 l'influenza A (H1N1) virus pandemico causato trasmissione diffusa negli Stati Uniti e in altri paesi. I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) stima che da 43 a 89 milioni di infezioni si è verificato negli Stati Uniti a partire da aprile 2009 al 10 aprile 2010, con le stime di fascia media di 274.000 ricoveri H1N1-correlati e 12.470 decessi. I bambini, i giovani adulti, donne in gravidanza, e le persone con malattie croniche sembrano avere un rischio maggiore di ospedalizzazione e di malattie gravi quando infettati con la pandemia virus, "scrivono gli autori. "Le caratteristiche cliniche della pandemia di influenza A 2009 (H1N1), infezioni non sono stati confrontati direttamente con le malattie causate da altri ceppi di influenza A".

Edward A. Belongia, MD, della Fondazione di Ricerca Clinica Marshfield, Marshfield, Wisc., E colleghi hanno condotto uno studio per confrontare le caratteristiche di infezioni pandemiche e stagionali di influenza A che si verificano in una popolazione definita. Lo studio consisteva di sorveglianza attiva con 30 giorni di follow-up per i casi di influenza tra i bambini e gli adulti che vivono in una zona di codice 14-zip in Wisconsin. I pazienti con febbre soggettiva, brividi, tosse o di durata meno di 8 giorni sono stati sottoposti a screening per l'ammissibilità nel corso di un incontro ospedaliero o ambulatoriale. Pazienti consenzienti sono stati intervistati e testati per l'influenza A durante le stagioni influenzali 2007-2008 e 2008-2009 e da maggio a novembre 2009; 6874 pazienti (70 per cento-86 per cento dei pazienti eleggibili) hanno accettato di partecipare. Le cartelle cliniche sono state riviste per valutare i risultati.




I ricercatori hanno identificato 2009 H1N1 dell'influenza in 545 pazienti; 221 casi di H1N1 stagionale; e 632 pazienti con infezione da H3N2. La mediana (punto mediano) di età compresa tra i partecipanti infetti sono stati 10, 11, e 25 anni, rispettivamente.

Nei bambini 2009 infezione H1N1 non è stata associata sia con il ricovero in ospedale o polmonite rispetto ai stagionale H1N1 e H3N2. Ricovero ospedaliero si è verificato entro 30 giorni per 6 di 395 bambini affetti da H1N1 2009 (1,5 per cento), 5 di 135 con stagionali H1N1 (3,7 per cento), e 8 di 255 con H3N2 (3,1 per cento). Tra gli adulti, il ricovero ospedaliero avvenuto in 6 di 150 al 2009 H1N1 (4,0 per cento), 2 di 86 con stagionali H1N1 (2,3 per cento), e 17 del 377 con H3N2 (4,5 per cento).

Tra gli adulti, la polmonite si è verificato nel 4,0 per cento di quelli con il 2009 l'infezione H1N1; Il 2,3 per cento dei pazienti con stagionali H1N1; e 1,1 per cento di quelli con infezione H3N2. Polmonite è verificato nel 2,5 per cento dei bambini con il 2009 H1N1; 1,5 per cento dei bambini con stagionali H1N1; e 2.0 per cento con H3N2. Non ci sono state differenze significative di tensione nella percentuale di bambini o adulti con qualsiasi risultato gravi (polmonite o ricovero ospedaliero) nei 30 giorni dopo l'insorgenza.

"I nostri risultati suggeriscono che le manifestazioni cliniche e il rischio di ricovero ospedaliero sono simili per il 2009 H1N1 e altri ceppi stagionali di influenza A tra quelli che presentano per le cure mediche e documentato di avere l'infezione influenzale," scrivono gli autori.

"In sintesi, abbiamo scoperto che i bambini sono stati colpiti in modo sproporzionato entro il 2009 l'infezione da H1N1, ma la gravità percepita dei sintomi e il rischio di gravi conseguenze (polmonite o il ricovero in ospedale), non sono state aumentate nei bambini al 2009 H1N1 infezione rispetto ai virus stagionali influenzali A. Questo studio dimostra il vantaggio di sorveglianza dell'influenza attiva in corso in una coorte definita con criteri di prova standardizzati e raccolta uniforme di dati clinici ed epidemiologici. L'uso di iscrizione coerente e procedure di prova offre la possibilità di confrontare direttamente i modelli di malattia e dei risultati su più stagioni, e questi Andamento complemento ottenute attraverso i sistemi di sorveglianza della salute pubblica tradizionali. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha