Rituximab Maintenance Therapy migliora la sopravvivenza nei pazienti affetti da linfoma follicolare

Giugno 7, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con linfoma follicolare recidivato o refrattario che continuano a terapia di mantenimento con Rituximab dopo la chemioterapia hanno una migliore sopravvivenza generale rispetto ai pazienti che non ricevono questo trattamento, secondo una meta-analisi di studi clinici randomizzati.

La maggior parte dei pazienti affetti da linfoma follicolare rispondono alla terapia iniziale, ma molte malattie esperienza ricaduta. Studi precedenti hanno dimostrato che rituximab più chemioterapia migliora la sopravvivenza generale in questi pazienti rispetto alla sola chemioterapia. Tuttavia, non è stato chiaro se continuare il trattamento con Rituximab oltre il completamento della chemioterapia prolunga ulteriormente la sopravvivenza globale.

Per determinare l'impatto di mantenimento con Rituximab sulla sopravvivenza globale, Liat Vidal, MD, del Rabin Medical Center di Petah Tikva-Israele, e colleghi dati raccolti da cinque studi clinici randomizzati che hanno confrontato la terapia di mantenimento, senza terapia di mantenimento. Erano disponibili per 985 pazienti dei dati di sopravvivenza globale.




Terapia di mantenimento Rituximab è stato associato ad un miglioramento del 40% in sopravvivenza globale rispetto alla osservazione o ritrattamento con rituximab alla recidiva. Il miglioramento della sopravvivenza globale è stata statisticamente significativa per i pazienti con linfoma recidivato o refrattario, ma non per i pazienti precedentemente non trattati. I pazienti trattati con terapia di mantenimento con rituximab, tuttavia, ha avuto quasi il doppio del tasso di eventi avversi correlati alle infezioni come i pazienti che non avevano prolungato la terapia rituximab.

"I nostri risultati suggeriscono che la terapia di mantenimento con rituximab per fino a 2 anni, sia come quattro infusioni settimanali ogni 6 mesi o come singola infusione ogni 2 - 3 mesi, dovrebbe essere aggiunto alla terapia standard dei pazienti con linfoma follicolare recidivato o refrattario dopo l'induzione di successo trattamento ", scrivono gli autori. "Il più alto tasso di infezioni con la terapia rituximab dovrebbe essere preso in considerazione quando si prendono decisioni di trattamento."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha