Salta pallone dopo aver piazzato carotide stent, chirurghi suggeriscono

Marzo 20, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Chirurghi Johns Hopkins dicono saltare un passo comunemente adottata nel corso di una procedura di routine per inserire uno stent rete metallica in una carotide parzialmente bloccato sembra impedire ai pazienti di sviluppare pericolosamente bassa pressione sanguigna, una frequenza cardiaca molto bassa o anche un ictus o attacco cardiaco.

Segnalazione sui risultati di un piccolo studio descritto on line nel Journal of Vascular Surgery, i chirurghi dicono gonfiare un palloncino all'interno dell'arteria dopo aver posizionato lo stent aumenta notevolmente il rischio di gravi complicanze dei pazienti. Pratica standard corrente dalla maggior parte dei medici è quello di gonfiare il palloncino per aprire l'arteria prima di posizionare lo stent carotideo e di nuovo dopo.

Stent carotidei sono progettati per aprire le arterie del collo, che portano il sangue ricco di ossigeno dal cuore al cervello, ma sono state ristrette nel tempo da un accumulo di colesterolo, grassi e altre sostanze che si attaccano alle pareti dei vasi sanguigni. Pezzi instabili di questo detriti targa-simili possono staccarsi e viaggiare nel cervello, dove possono causare ictus.




"Nella mia mente, questo è uno studio che dovrebbe cambiare la pratica medica", dice il leader di studio Mahmoud B. Malas, MD, MHS, professore associato di chirurgia alla Scuola di Medicina dell'Università John Hopkins. "Il nostro lavoro suggerisce che i medici dovrebbero mai palloncino uno stent dopo ponendolo. Non vi è alcun rialzo."

Malas e il suo team hanno analizzato i dati provenienti da 103 pazienti che hanno subito il posizionamento di uno stent carotideo tra il 2005 e il 2012 presso la Johns Hopkins Bayview Medical Center. Tutti i pazienti sono stati sottoposti ballooning pre-stent. Il settanta per cento anche sottoposto ballooning post-stent, mentre il 30 per cento non ha fatto. I pazienti che hanno subito ballooning post-stent sono stati quattro volte più probabilità di soffrire di pressione sanguigna pericolosamente bassa e/o una frequenza cardiaca pericolosamente lento durante o immediatamente dopo la procedura. Sebbene Malas dice lo studio era troppo piccolo per terminare assolutamente la pratica del ballooning post-stent, va considerato che l'approccio.

Come parte del suo studio, Malas ha anche esaminato i dati di uno studio passato di più di 1.000 pazienti sottoposti a stenting carotideo, che ha anche accennato al fatto che ballooning post-stent aumenta il rischio di ictus. Il numero di medici rinunciando questo passo, però, era troppo piccolo per avere un quadro completo, dice.

L'ictus è la terza causa di morte e la prima causa di disabilità adulta negli Stati Uniti. Malattia dell'arteria carotidea è stimato a contribuire al 20 per cento di ictus ischemico, di gran lunga il tipo più comune.

I pazienti sono tipicamente cui per uno stent carotideo quando hanno un blocco del 70 percento o più in arteria carotide e sarebbero candidati inadatti per una procedura chirurgica che comporta il taglio aperta l'arteria e rimuovendo l'accumulo. Che la chirurgia, noto come endoarteriectomia, è una soluzione permanente, ma coinvolge l'anestesia generale, che non tutte le persone con gravi blocchi sono abbastanza sano di sottoporsi. Molte persone con blocchi carotideo hanno anche blocchi in altre arterie, comprese le arterie coronarie che forniscono sangue al cuore.

Posizionamento uno stent carotideo è una procedura minimamente invasiva che coinvolge infilare un catetere dalla zona inguinale fino al sito del blocco nel collo. I medici gonfiano delicatamente un palloncino nella zona che è costretta ad aprire l'arteria largo abbastanza per inserire in modo sicuro lo stent. Coloro che ancora gonfiare il palloncino dopo dicono che consente lo stent per aprire il più ampio possibile e per mostrare chirurghi se l'apertura è grande abbastanza per ridurre il rischio di chiudendo in futuro.

Malas dice che i metalli utilizzati nella stent naturalmente espandono nel tempo e che questa seconda fase ballooning è superflua. Lui dice che c'è il rischio anche aggiunto che ripetere il passo pallone può spingere i pezzi di placca instabile nel cervello, provocando la corsa molto la procedura è progettato per prevenire.

Malas dice di credere anche post-stent ballooning seminano il terrore sulla pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, perché la pressione del pallone post-stent in arteria invia segnali confusi al cervello. I recettori intorno carotide falsamente rilevano che la pressione sanguigna è alta, in modo che inviano segnali al cervello, che a sua volta invia segnali al cuore per rallentare e alle piccole arterie periferiche di dilatarsi. Questo può fermare il cuore o causare ipotensione pericolosa.

"Ogni volta che utilizziamo il pallone, non ci può essere una grande riduzione della frequenza cardiaca, quindi dobbiamo usarlo con giudizio," dice. "E 'solo che non necessario dopo lo stent è a posto."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha