Saltando geni: microvescicole tumore rivelano informazioni genetiche dettagliate

Giugno 18, 2016 Admin Salute 0 14
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il Massachusetts General Hospital (MGH) gruppo di ricerca che per primo scoprì RNA associata al tumore in piccole sacche di membrana-racchiuso rilasciati nel flusso sanguigno dalle cellule tumorali ha ora trovato che queste microvescicole contengono anche segmenti di DNA tumorale, tra cui retrotrasposoni - chiamato anche "saltare geni "- che copiano e si inseriscono in altre aree del genoma. La relazione degli investigatori, che è stato pubblicato su Nature Communications, è il primo a dimostrare che microvescicole sono coinvolti nel trasferimento di retrotrasposoni tra le cellule.

"Azione retrotrasposoni 'di auto-copia e reinserire nel genoma si porta a instabilità genetica", afferma Johan Skog, PhD, che ha condotto lo studio, mentre un ricercatore in Neurologia servizio MGH. "Molti ricercatori hanno proposto questo come un meccanismo per la diversità genetica e per l'evoluzione. Retrotrasposoni sono noti per essere sovraregolata nel cancro, e scoprendo in microvescicole che si possono trovare in tutti i fluidi corporei suggerisce che potrebbe essere biomarcatori utili per aiutare a capire la progressione del tumore e monitorare la risposta al trattamento. "

Skog è autore principale di uno studio del 2008 che per primo identificò RNA associata al tumore in microvescicole, anche chiamati esosomi, rilasciato dal mortale cervello adulto tumore glioblastoma. Per studiare ulteriormente la capacità di microvescicole per riflettere lo stato genetico dei tumori, in questo studio il team MGH ha analizzato il contenuto di acido nucleico di microvescicole da glioblastomi, da due tipi di tumori cerebrali pediatrici, e da melanomi maligni.




Essi hanno scoperto che le microvescicole contenute DNA tumorale così come RNA e livelli che microvescicole da uno dei tumori pediatrici studiati erano elevati sia di DNA e RNA dal oncogene c-Myc, che correla con l'espressione del gene in quel tumore. "Abbiamo dimostrato che l'amplificazione di c-Myc era presente in microvescicole ogni volta che era presente nella cellula donatrice e che l'analisi microvesicle può rivelare espressione oncogene nel tumore originale", spiega Leonora Balaj del MGH Neurology, il primo autore dello studio.

Alti livelli di sequenze di RNA retrotrasposoni-associato sono state rilevate anche in microvescicole tumore, e gli investigatori hanno trovato quei microvescicole potrebbero trasferire i loro contenuti nelle cellule normali. "Una delle funzioni più importanti di microvescicole derivate da tumore può essere la modifica delle cellule normali nel microambiente per renderli più favorevoli della crescita tumorale," dice il coautore dello studio Xandra Breakefield, PhD, MGH Neurologia e professore di Neurologia presso la Harvard Medical School.

Skog è ora il direttore della ricerca per exosome Diagnostics, la società che in licenza il lavoro descritto nel documento del 2008, e continua a consultarsi con team di ricerca di Breakefield. Ulteriori co-autori del rapporto Nature Communications sono Ryan Lessard, MGH Neurology; Lixin Dai, Johns Hopkins School of Medicine; e Yoon-Jae Cho, MD, e Scott Pomeroy, MD, PhD, bambini Hospital di Boston. Lo studio è stato sostenuto da sovvenzioni dal National Cancer Institute, la Fondazione Wenner-Gren, e Stiftelsen Olle Engkvist Byggmastare.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha