Salute mentale ha bisogno di soldati Aumentare diversi mesi dopo il ritorno dalla guerra in Iraq

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Rispetto al primo screening al ritorno dalla guerra in Iraq, i soldati americani segnalano aumentate preoccupazioni per la salute mentale e previa diversi mesi dopo il loro ritorno per problemi come il disturbo da stress post-traumatico e la depressione, secondo un nuovo studio.

"Il nostro precedente articolo descriveva il Dipartimento della Difesa (DoD) di screening sforzi per identificare problemi di salute mentale tra i soldati e marines che tornano dall'Iraq e dall'Afghanistan con la valutazione della salute dopo l'implementazione (PDHA). Tuttavia, l'articolo ha anche sollevato preoccupazioni che mentale problemi di salute potrebbero perdere a causa dei primi tempi di questo screening. Ha citato i dati preliminari mostrano che i soldati erano più propensi a indicare pericolo la salute mentale parecchi mesi dopo il ritorno di al loro ritorno immediato. Sulla base di questi dati preliminari, il ministero della Difesa ha avviato un secondo lo screening simile al primo, che si verifichi da 3 a 6 mesi dopo il ritorno dalla distribuzione ", l'articolo autori scrivono.

Charles S. Milliken, MD, del Walter Reed Army Institute di Ricerca, US Army Medical Research e Materiel Command, Silver Spring, Md., E colleghi hanno analizzato le risposte di salute mentale della prima coorte di soldati (n = 88.235) per completare entrambi lo screening iniziale e la nuova di screening più tardi, con una mediana (punto mediano) di sei mesi tra le due valutazioni. Entrambe le proiezioni incluso un questionario self-report e un breve colloquio con un medico.




I ricercatori hanno scoperto che i soldati hanno riportato più problemi di salute mentale, come il disturbo post-traumatico da stress (PTSD), la depressione o abuso di alcol durante la proiezione successiva. Dei 88.235 soldati, 3.925 (4,4 per cento) sono stati sottoposti per la cura della salute mentale durante la proiezione iniziale e 10.288 (11,7 per cento) sono stati sottoposti durante la proiezione successiva. I dati combinati di entrambe le proiezioni hanno mostrato che i medici individuati 20,3 per cento di attivo e 42,4 per cento dei soldati di riserva come bisognose di rinvio o già di essere in cura per problemi di salute mentale.

Tra i soldati di componenti attivi, l'uso dei servizi di salute mentale è aumentato notevolmente dopo la proiezione in seguito, soprattutto entro 30 giorni dalla valutazione. La maggior parte di tutti i soldati che accede cura della salute mentale (74 per cento, n = 9074) non erano state identificate come bisognose di rinvio.

Le preoccupazioni circa il conflitto interpersonale aumentato di 4 volte tra le due proiezioni. I soldati hanno riferito di frequente riguarda l'alcol, ma ben pochi sono stati sottoposti a trattamento di alcol. Anche se i soldati erano molto più propensi a riferire sintomi di PTSD sullo strumento di screening più tardi, il 49 per cento al 59 per cento di coloro che hanno avuto sintomi di PTSD identificati nella schermata iniziale migliorato dal momento in cui ha preso la schermata successiva, suggerendo che l'aumento è dovuto al nuovo stati segnalati sintomi.

"Lo studio dimostra che i tassi che abbiamo riportato in precedenza sulla base di indagini scattate immediatamente al ritorno dalla distribuzione sottovalutare sostanzialmente l'onere della salute mentale," scrivono gli autori. "Questo sottolinea l'enorme opportunità per un sistema di salute mentale DoD con maggiori risorse per intervenire presto prima che i soldati lascino servizio attivo."

"L'aumento dei problemi di relazione sottolineano le carenze nei servizi per i membri della famiglia. Soldati componenti Reserve che erano tornati allo stato civile sono stati sottoposti a tassi più elevati sul [tardi di screening], che potrebbe riflettere le loro preoccupazioni circa la loro copertura sanitaria in corso. La mancanza di riservatezza può scoraggiare i soldati con problemi di alcol di accesso alle cure. Nel contesto di un sistema sovraccarico di cura, l'efficacia dello screening della salute mentale della popolazione era difficile da accertare. "

Journal articolo: JAMA. 2007; 298 (18): 2141-2148.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha