Sbloccare il mistero genetico e molecolare di sarcoma dei tessuti molli

Marzo 24, 2016 Admin Salute 0 11
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati del Joslin Diabetes Center di Boston hanno scoperto importanti chiavi molecolari e genetiche allo sviluppo dei sarcomi dei tessuti molli nel muscolo scheletrico, dando ricercatori e clinici obiettivi supplementari per fermare la crescita di questi tumori spesso mortali.

Pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, lo studio ha identificato due principali vie di segnalazione molecolare (le vie Ras e mTOR) che sono comuni nella crescita tumorale e lo sviluppo. Questi percorsi molecolari regolano la crescita e divisione cellulare, due proprietà cellulari la cui over-attivazione sono le caratteristiche di biologia del cancro.

"Negli esseri umani, alcuni sarcomi rispondono alla chemioterapia, dice l'autore Amy J. scommesse, PhD, professore associato di cellule staminali e biologia rigenerativa alla Harvard Medical School e Joslin Diabetes Center," ma molti non lo fanno. Con questi risultati, abbiamo controllati una lista di nuovi obiettivi candidati la cui inibizione può portare alla regressione di questi tumori. "




Molti sarcomi dei tessuti molli, che si sviluppano in alcuni tessuti come ossa e muscoli, trasportano mutazioni genetiche specifiche o firme genetiche uniche, che possono permettere agli scienziati di sviluppare più precise, terapie mirate. Le scommesse ei suoi colleghi hanno progettato un sistema di tumore nei topi introducendo nel topo muscoli scheletrici un gene del cancro che trasportano, o oncogene, noti per causare tumori negli esseri umani. Hanno usato questo sistema progettato per identificare un piccolo insieme di geni che sono attivi nei tumori sarcoma.

Esistono molti tipi diversi di sarcomi dei tessuti molli, che si sviluppano nei tessuti che collegano, supporto o circondano altre strutture e organi, compreso il muscolo, tendini, nervi, grasso e vasi sanguigni. Se diagnosticato precocemente, il trattamento, in primo luogo attraverso la rimozione chirurgica del tumore, la radioterapia o la chemioterapia, possono essere efficaci. Se il tumore è diffuso, tuttavia, il tumore può essere controllato solo per un periodo di tempo, ma il trattamento spesso non cura la malattia.

Inducendo questi tumori nei topi, scommesse dice gli scienziati sapevano quando i tumori sarebbero formare nei topi e in quale parte del corpo si sarebbero sviluppare, che li ha aiutati a capire meglio i meccanismi molecolari e genetici alla base della malattia. Con questa conoscenza, i ricercatori possono essere in grado di sviluppare nuove strategie di intervento che interferiscono con queste attività genetici e bloccano la crescita di questo tipo di tumore.

"Con il sistema progettato abbiamo sviluppato, possiamo trovare nuovi punti fragili nel tumore a bersaglio", spiega il primo autore Simone Hettmer, MD, un oncologo pediatrico presso il Dana-Farber/bambini Hospital Cancer Center, che cura i bambini con questi tumori. Inoltre, aggiunge, il sistema permette agli scienziati di guardare le variazioni genetiche in sarcomi e come interagiscono con lo sviluppo di tumori e possono essere applicati ai sarcomi in tessuti diversi dai muscoli scheletrici.

Sorprendentemente, dice scommesse, i ricercatori hanno scoperto che potevano indurre tumori utilizzando diversi 'principio' cellule diverse. Gli scienziati hanno generato cellule tumorali utilizzando cellule staminali simili alle cellule che vanno a fare sia muscolare o di altri tessuti connettivi. I tumori che si sviluppano dalle cellule muscolari erano rabdomiosarcomi, la forma più comune di sarcoma dei tessuti molli osservati nei bambini, mentre i tumori che si sono sviluppate da cellule non-muscolari rappresentano altri tipi di sarcoma.

Le scommesse ei suoi colleghi stanno lavorando sulla creazione di un modello simile costruito utilizzando cellule umane per testare l'efficacia dei farmaci anti-sarcoma. Questi esperimenti preclinici sono progettati per individuare i candidati più promettenti per il trattamento del sarcoma dei tessuti molli che alla fine sarà perseguito in studi clinici. I primi studi hanno identificato numerosi composti chimici che, in colture cellulari almeno, sembrano rallentare la crescita di cellule di sarcoma.

Oltre alle scommesse e Hettmer, altri Joslin co-autori dello studio sono stati Jianing Liu, Christine Miller, e Melissa Lindsay, così come Cynthia Sparks e David Guertin della University of Massachusetts Medical School, Roderick Bronson della Scuola Tufts University di Medicina Veterinaria, e David Langenau del Massachusetts General Hospital.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha