Scambiando OCD per l'ADHD ha gravi conseguenze

Agosto 23, 2015 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In superficie, disturbo ossessivo compulsivo (OCD) e deficit di attenzione/iperattività (ADHD) appaiono molto simili, con attenzione alterata, la memoria, o il controllo del comportamento. Ma School of Psychological Sciences del Prof. Reuven Dar dell'Università di Tel Aviv sostiene che questi due disturbi neuropsicologici molto diverse radici - e ci sono enormi conseguenze se sono scambiati per l'altro.

Prof. Dar e collega ricercatore Dr. Amitai Abramovitch, che ha completato il suo dottorato di ricerca sotto la supervisione del Prof. Dar, hanno stabilito che, nonostante le apparenze, OCD e ACHD sono molto più diverso da uguali. Mentre gruppi di pazienti sia OCD e ADHD sono stati trovati ad avere difficoltà a controllare i loro impulsi anomali in un ambiente di laboratorio, solo il gruppo ADHD ha avuto problemi significativi con questi impulsi nel mondo reale.

Secondo il Prof. Dar, questo dimostra che, mentre OCD e ADHD possono apparire simili a livello comportamentale, il meccanismo che sta dietro i due disturbi molto diversa. Le persone con ADHD sono impulsivi assumendosi dei rischi, raramente riflettere sulle conseguenze delle loro azioni. Al contrario, le persone con OCD sono troppo interessati con conseguenze, causando titubanza, difficoltà nel processo decisionale, e la tendenza a un eccesso di controllo e over-plan.




I loro risultati, pubblicati sul Journal of Neuropsychology, tracciano una netta distinzione tra OCD e ADHD e forniscono indicazioni più precise per la diagnosi corretta. Confondere i due minaccia cura del paziente di successo, avverte il prof Dar, notando che i piani di trattamento per i due disturbi possono variare notevolmente. Ritalin, uno psicostimolante comunemente prescritti a pazienti affetti da ADHD, può effettivamente esacerbare comportamenti OCD, per esempio. Prescritto a un paziente OCD, sarà solo peggiorare i sintomi.

Separare la causa dall'effetto

Per determinare la relazione tra OCD e ADHD, i ricercatori hanno studiato tre gruppi di soggetti: 30 con diagnosi di OCD, 30 con diagnosi di ADHD, e 30 senza diagnosi psichiatrica. Tutti i soggetti erano di sesso maschile, con un'età media di 30. Comprehensive test neuropsicologici e questionari sono stati utilizzati per studiare le funzioni cognitive che controllano la memoria, l'attenzione, e di problem-solving, così come quelle che inibiscono gli impulsi arbitrari che OCD e pazienti ADHD sembrano avere difficoltà a controllare.

Come previsto Prof. Dar e Dr. Abramovitch, sia l'OCD e gruppi ADHD eseguito meno di un gruppo di confronto in termini di memoria, tempo di reazione, l'attenzione e altri test cognitivi. Entrambi i gruppi sono stati trovati ad avere anomalie nella loro capacità di inibire o impulsi di controllo, ma in modi molto diversi. In situazioni del mondo reale, il gruppo ADHD ha avuto molto più difficoltà a controllare i loro impulsi, mentre il gruppo OCD era più in grado di controllare questi impulsi che anche il gruppo di controllo.

Quando le persone con OCD si descrivono come impulsivo, questa è una descrizione soggettiva e può significare che non hanno programmato al solito alto livello, spiega il Prof. Dar.

Offrendo il giusto trattamento

E 'comprensibile il motivo per cui i sintomi OCD possono essere scambiati per l'ADHD, dice il Prof. Dar. Ad esempio, uno studente in una classe potrebbe essere distratto e inquieto, e presume che l'ADHD. In realtà, lo studente potrebbe essere distratto da pensieri ossessivi o agire comportamenti compulsivi fuori che sembrano agitarsi.

"E 'più probabile che un giovane studente sarà diagnosticato con ADHD invece di OCD perché gli insegnanti vedono così tante persone con problemi di attenzione e non molti con OCD. Se non si guarda abbastanza attentamente, si potrebbe fare un errore", avverte il Prof. Dar. Attualmente, 5,2 milioni di bambini negli Stati Uniti di età compresa tra 3 e 17 anni con diagnosi di ADHD, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, che lo rende uno dei disturbi dello sviluppo neurologico più comunemente diagnosticata nei bambini.

La diagnosi corretta è fondamentale per la traiettoria del paziente, non solo per la scelta dei farmaci, ma anche per il trattamento psicologico e comportamentale, e la consapevolezza e l'educazione per le famiglie e gli insegnanti del benessere e il futuro.

(0)
(0)
Articolo precedente Morkie Info

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha