Scienziati decifrano come il sistema immunitario induce danno epatico durante l'epatite

Aprile 16, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio pubblicato oggi nell'edizione online di The Journal of Clinical Investigation, e realizzato dal team di Erwin Wagner, direttore del Programma di Biologia Cellulare BBVA Foundation-CNIO Cancro e titolare di una sovvenzione CER avanzata, mostra come il sistema immunitario 'attacchi' cellule del fegato durante epatite utilizzando AP-1 gene JunB.

Latifa Bakiri, uno degli autori dello studio e ricercatore in dettagli laboratorio di Wagner: "L'attivazione del JunB/AP-1 gene in un sottogruppo di cellule immunitarie, chiamate cellule NK, aumenta la produzione di interferone-gamma che attacca le cellule del fegato, mentre l'organo soffre di epatite. "




Con questa scoperta, gli autori dello studio propongono un nuovo meccanismo attraverso il quale AP-1 agisce come una spada a doppio taglio nel fegato: si tratta di una prima linea di difesa contro i virus che causano la malattia, ma incoraggia anche danni al fegato a seconda della dieta o genetica del paziente.

"L'equilibrio di questi segnali è fondamentale per la comprensione della patogenesi della malattia epatica infiammatorie e di progettare nuovi approcci terapeutici per invertire questa malattia", spiega Wagner.

Cellule immunitarie di tipo NK sono anche parte del microambiente circostante tumori. I ricercatori sottolineano nella discussione di questo articolo, che una migliore conoscenza di queste cellule potrebbe essere di vitale importanza per la progettazione di immuno-terapie che colpiscono specificamente le cellule tumorali.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha