Scoperta del nuovo gruppo di molecole potrebbe aiutare la diffusione lotta del cancro e di altre malattie

Marzo 17, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team di scienziati guidato dalla University of East Anglia (UEA) ha scoperto un nuovo gruppo di molecole che potrebbero aiutare a combattere la diffusione del cancro e di altre malattie.

Le nuove molecole sono derivati ​​sintetici di un prodotto naturale conosciuto come UDP-galattosio, e bloccano l'attività di un gruppo di enzimi chiamati glicosiltransferasi. Glicosiltransferasi sono utilizzati da cellule biologiche di trasformare gli zuccheri semplici in catene di zuccheri allungati e strutture ramificate.

Pubblicato online dalla rivista Nature Chemical Biology, i risultati potrebbero portare a un significativo avanzamento terapeutico nel trattamento del cancro, infiammazioni e infezioni.




Molte cellule biologiche - comprese le cellule tumorali e le cellule batteriche - sono letteralmente coperti da uno strato di zucchero. Questo rivestimento di zucchero influenza il modo in cui le cellule comunicano con l'ambiente e con l'altro.

Ad esempio, quando un cancro si diffonde attraverso il corpo o un batterio infiltra suo ospite umano molti dei contatti cellule anomale compongono con altre cellule sono attraverso questi zuccheri sulla loro superficie cellulare.

Per formare le strutture complesse di zucchero che decorano la loro superficie, le cellule si affidano a gylcosyltransferases di aderire singoli blocchi lo zucchero. I ricercatori hanno scoperto che UEA sintetici derivati ​​UDP-galattosio bloccano efficacemente questi enzimi. Queste molecole possono quindi essere sfruttati per interferire con i processi biologici nocivi come metastasi del cancro e infezione batterica.

Il lavoro è stato condotto da ricercatori della Facoltà di Farmacia di UEA, affiancando i colleghi del Centro di ricerca Carlsberg in Danimarca.

"Questo emozionante scoperta di un inibitore dell'enzima potente con un nuovo meccanismo d'azione ha un notevole potenziale terapeutico nel cancro, infiammazione e infezione", ha detto l'autore principale dott Gerd Wagner di UEA.

"I nostri risultati forniscono anche una strategia generale per come progettare e migliorare tali inibitori in futuro. I 'istantanee' che hanno preso di uno di questi enzimi, insieme con il nuovo inibitore stesso, in grado di fornire indicazioni molto importante per lo sviluppo di nuovi anti-cancro e droga candidati anti-infettivi. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha