Scoperta di HIV 'mantello invisibile' rivela nuove possibilità di trattamento

Marzo 11, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati hanno scoperto un mantello dell'invisibilità molecolare che permette di HIV, il virus che causa l'AIDS, per nascondere all'interno delle cellule del corpo senza attivare sistemi di difesa naturali del corpo.

Il loro studio mostra come 'Rimozione della maschera' il virus usando un farmaco sperimentale innesca una risposta immunitaria che arresta la replicazione del virus nelle cellule coltivate in laboratorio.

I risultati potrebbero portare a nuovi trattamenti e contribuire a migliorare le terapie esistenti per l'infezione da HIV.




Il sistema immunitario innato è la prima linea di difesa dell'organismo contro le infezioni e incorpora un sistema presente in tutte le cellule del corpo che rileva la presenza di materiale 'straniero' da batteri invasori e virus allarme. Quando l'allarme è scattato, la cellula infettata inizia un programma anti-virale e invia segnali di allarme per avvisare altre cellule che un virus è in giro. HIV infetta le cellule vitali del sistema immunitario in modo la sua capacità di replicare inosservato senza far scattare il sistema di allarme ha lasciato perplessi gli scienziati in quanto la scoperta del virus.

Il team ha identificato due molecole all'interno delle cellule ospiti che vengono reclutati da HIV dopo l'infezione che impediscono al virus di riprodursi il suo materiale genetico troppo presto. L'effetto è quello di proteggere il virus dal sistema di allarme e arrestare il sistema immunitario innato da calci in azione.

In assenza di tali molecole, mediante deplezione di cellule infettate o bloccando la loro assunzione usando un farmaco sperimentale, HIV è esposto al sistema di allarme e un anti-virus risposta immunitaria viene attivato. Targeting le molecole di occultamento e non il virus si fa molto più difficile per il virus di mutare e diventare resistente a questo tipo di trattamento, un problema significativo con terapie standard HIV.

Professor Greg Towers, un Wellcome Trust Senior Research Fellow presso UCL e autore principale dello studio, ha detto: "L'HIV è estremamente abile a nascondersi dalle difese naturali del nostro corpo, che è parte del motivo per il virus è così pericoloso ora abbiamo. individuato il virus 'mantello dell'invisibilità, e come esporlo, abbiamo scoperto una debolezza che potrebbe essere sfruttata per nuovi trattamenti HIV.

"C'è molta più ricerca necessarie, ma il potenziale di questo approccio è enorme, come un possibile trattamento in sé, ma anche come complemento alle terapie esistenti. Siamo interessati anche vedere se il blocco queste molecole di occultamento può contribuire a rafforzare la risposta immunitaria ai vaccini sperimentali contro l'HIV o da utilizzare per la protezione contro la trasmissione dell'HIV.

"La speranza è che un giorno potremmo essere in grado di sviluppare un trattamento che aiuta il corpo a eliminare il virus prima che l'infezione è in grado di prendere in mano."

Il farmaco sperimentale utilizzata nello studio si basa su Ciclosporina, un farmaco che è ampiamente usato per prevenire il rigetto d'organo nei pazienti con trapianto a causa della sua capacità di smorzare la risposta immunitaria. Ciclosporine hanno dimostrato di bloccare la replicazione del virus HIV e altri virus, ma non sono adatti per il trattamento di pazienti infettati a causa dei loro effetti negativi sul sistema immunitario. Il team ha utilizzato una versione modificata del farmaco, che blocca gli effetti delle due molecole di occultamento senza sopprimere l'attività immunitaria.

Dr Kevin Moses, direttore del Science finanziamento presso il Wellcome Trust, ha dichiarato: "Nel 2012, 2,3 milioni di persone sono state contagiate dall'HIV Mentre trattamenti esistenti stanno aiutando le persone con l'HIV a vivere più a lungo e una vita più sana, la sfida di adesione ai programmi di trattamento mezzi. che la resistenza ai farmaci rimane una minaccia e il virus continua a carico delle comunità più povere del mondo. Capire come l'HIV interagisce con le difese del corpo potrebbe essere solo cruciale per lo sviluppo di migliori approcci alla terapia. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha