Scoperta scientifica nella lotta contro l'HIV-1 virus

Maggio 11, 2016 Admin Salute 0 9
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una scoperta dal team del Dott Йric A. Cohen presso l'Institut de recherches cliniques de Montrйal, potrebbe portare allo sviluppo di nuove strategie di lotta contro il virus dell'immunodeficienza umana (HIV-1), agente causale della sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) .

Nel loro articolo pubblicato in open-access PLoS Pathogens, squadra del dottor Cohen spiega come la proteina virale Vpu impedisce l'espressione di teterina, un fattore di accoglienza inibizione di HIV-1 rilascio, sulla superficie delle cellule infette.

Quindi, se i ricercatori riusciranno a sviluppare piccole molecole che impediscono Vpu legame teterina, questo sarebbe il ripristino uno dei meccanismi di difesa naturali che impediscono la produzione, la trasmissione e la diffusione del virus HIV-1.




Lo studio del gruppo del Dr. Cohen permette una migliore comprensione della strategia utilizzata da HIV-1 per facilitare la sua trasmissione e la sua diffusione negli esseri umani. "Teterina è una proteina cellulare che cattura virus formano sulla superficie delle cellule infette, impedendo così la trasmissione virale e diffusione. Questa proteina antivirale, la cui produzione è innescata da interferone, è un effettore della risposta immunitaria innata contro le infezioni virali. Tuttavia, virus , e in particolare l'HIV-1, si sono evoluti e meccanismi che antagonizzano questo fattore limitazione sviluppato. In realtà, abbiamo scoperto come la proteina Vpu neutralizza teterina, e come tale stimola HIV-1 di produzione ", ha dichiarato il dottor Йric A. Cohen.

Con direttamente vincolante teterina, Vpu influenza negativamente il trasporto del fattore di restrizione alla superficie cellulare, che è il sito della sua attività antivirale. Teterina è quindi memorizzato all'interno della cellula, impedendo così di giocare il suo ruolo di "barriera" contro la trasmissione del virus. "Virus dell'immunodeficienza delle scimmie, considerate precursori di HIV-1, non sono in grado di antagonizzare teterina umana. Sembrerebbe che l'emergere di ceppi HIV-1 che codificano proteine ​​VPU con la capacità di perturbare il trasporto intracellulare di teterina umana, potrebbe aver contribuito alla diffusione pandemica di determinati gruppi di HIV-1, "specificate Mathieu Dubй, dottorando presso l'Unità di Ricerca Retrovirology umano del IRCM, e il primo autore dell'articolo.

"Abbiamo bisogno di capire meglio come l'HIV si trasmette per sviluppare nuove strategie di prevenzione e di trattamento di HIV", ha detto il dottor Marc Ouellette, Direttore Scientifico del Canadian Institutes of Health Research Institute di di infezione e immunità. "Questo è un risultato molto importante dal team di ricerca del Dr. Cohen e un altro esempio dell'essere ricerche superbo fatto in Canada in questo settore."

Questo progetto è stato sostenuto dalla Canadian Institutes of Health Research (CIHR), il Programma di Ricerca presidente Canada e la Fondazione canadese per l'innovazione

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha