Screening neonati molto prematuri per l'autismo a 18 mesi spesso imprecisa

Maggio 2, 2016 Admin Salute 0 9
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Estremamente neonati prematuri che schermano positiva per disturbi dello spettro autistico (ASD) a 18 mesi di età non possono effettivamente avere l'autismo. Piuttosto, essi possono fallire i test di screening a causa di un ritardo cognitivo o lingua estranea, secondo una ricerca presentata il 1 ° maggio, presso le Società Pediatric Academic (PAS) riunione annuale a Denver.

Si stima in 110 bambini americani ha ASD, un gruppo di complessi disturbi dello sviluppo cerebrale che influenzano il comportamento, abilità sociali e di comunicazione. L'American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda che i pediatri schermo tutti i bambini per ASD a 18-24 mesi di età, e chi non la prova di screening deve essere affidata a una valutazione formale.

Sulla base delle linee guida AAP, molti terapia intensiva neonatale cliniche di follow-up che monitorano ex neonati estremamente prematuri hanno istituito questo protocollo di screening. Tuttavia, non si sa come precisa lo screening precoce è nell'identificare ASD in questa popolazione ad alto rischio.




I ricercatori, guidati da Bonnie E. Stephens, MD, FAAP, assistente professore di pediatria presso Alpert School of Medicine e neonatologo/pediatra dello sviluppo e del comportamento a Women & Infants Hospital di Rhode Island di Brown University, il sospetto che molti neonati pretermine che schermano positivo per ASD a 18 mesi non hanno ASD ma non riescono questi schermi a causa di un ritardo cognitivo o linguaggio, entrambi sono comuni nei bambini estremamente prematuri a 18 mesi.

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno proiettato bambini nati al loro ospedale prima di gestazione 28 settimane 'con tre misure, uno dei quali è stato progettato specificamente per l'utilizzo in popolazioni ad alto rischio, come i neonati prematuri. Hanno cercato di determinare il tasso di schermi falsi positivi per ASD a 18 e 30 mesi di età e per esplorare il rapporto tra uno schermo positivo e ritardo cognitivo e del linguaggio.

Un totale di 152 bambini sono stati sottoposti a screening per ASD a 18 mesi (età corretto per prematurità), e 116 bambini sono stati proiettati a 30 mesi di età corretti.

I risultati hanno mostrato che il 18 per cento screening positivo per ASD a 18 mesi, mentre il 10 per cento proiettato positivo a 30 mesi. Solo il 3 per cento dei bambini ha avuto risultati positivi su tutte e tre schermi o punto nel tempo, e tutti i bambini che screening positivo per ASD su tutti e tre i test di screening a 30 mesi sono stati successivamente diagnosticato ASD.

Inoltre, uno schermo positiva a 18 o 30 mesi si associa con ritardo cognitivo e del linguaggio.

"Anche se questi risultati hanno implicazioni importanti, è necessario un ulteriore lavoro", ha detto il dottor Stephens. "Per determinare quale di questi bambini in realtà hanno ASD, uno studio che include una valutazione diagnostica formale su tutti i bambini con è necessaria una schermata fallito".

Dr. Stephens ei suoi colleghi stanno cercando finanziamenti per sostenere uno studio multicentrico di più di 500 bambini pretermine. "Questo ci permetterà di determinare il vero tasso di ASD in questa popolazione, il tasso di falsi positivi schermi a 18 e 30 mesi, il momento ottimale per lo screening, e lo strumento di screening ASD ottimale per la popolazione estremamente pretermine".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha