Sebbene la maggior parte dei centri oncologici hanno programmi di cure palliative, la portata dei servizi molto variabile

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Servizi di cure palliative sono disponibili presso la maggior parte dei centri di cancro degli Stati Uniti, anche se la portata dei servizi offerti e il grado di integrazione tra cure palliative e l'assistenza oncologica varia ampiamente tra i centri, secondo uno studio del 17 marzo del JAMA, un problema sul tema del cancro .

David Hui, MD, M.Sc., della University of Texas MD Anderson Cancer Center, Houston, ha presentato i risultati dello studio in un JAMA mezzi di informazione.

Anche se sono stati compiuti progressi significativi nel trattamento del cancro, circa la metà di tutti i pazienti con cancro alla fine muoiono della loro malattia, e un terzo delle morti per cancro avviene entro 6 mesi dalla diagnosi, in base alle informazioni in questo articolo.




"Palliative cliniche cure ambulatoriali, gruppi di consultazione di degenza, unità di cure palliative (PCU) e ospizi tutti giocano un ruolo fondamentale che fornisce il controllo dei sintomi, sostegno psicosociale, e la transizione di cura per i pazienti con cancro e le loro famiglie lungo il continuum di cura del cancro. Sulla base questa comprensione, più organizzazioni nazionali e internazionali sostengono incorporazione precoce delle cure palliative in oncologia pratica, "scrivono gli autori. Nonostante questo sostegno, poco si sa circa lo stato attuale delle cure palliative in un quadro più approfondito del livello di cure palliative che attualmente esiste in questi centri oncologici identifichi le carenze e gli ostacoli per la cura del cancro globale e consentire lo sviluppo centri di cancro negli Stati Uniti " di strategie specifiche per migliorare la consegna di cura. "

Dr. Hui e colleghi hanno condotto uno studio per determinare la disponibilità e il grado di integrazione dei servizi di cure palliative nei centri oncologici statunitensi. Lo studio consisteva di un sondaggio, tra giugno e ottobre 2009, di 71 National Cancer Institute (NCI) centri oncologici -designated e un campione casuale di 71 centri oncologici non NSC, di entrambi i dirigenti e cure palliative leader programma clinico, se del caso, per quanto riguarda i loro servizi di cure palliative. Un totale di 142 e 120 indagini sono stati inviati a dirigenti e responsabili di programma, con tassi di risposta di 71 per cento e 82 per cento, rispettivamente.

I ricercatori hanno scoperto che i centri oncologici NSC erano significativamente più probabilità di avere un programma di cure palliative (50/51 [98 per cento] vs 39/50 [78 per cento]), almeno 1 palliative medico di (46/50 [92 per cento ] vs 28/38 [74 per cento]), un team di consultazione palliative ospedalieri (47/51 [92 per cento] vs 28/50 [56 per cento]), e un ambulatorio di cure palliative (30/51 [59 per cento ] vs 11/50 [22 per cento]). Pochi centri avevano un ospizio un'istituzione azionamento (37/101 [37 per cento]) o letti di cure palliative dedicate (23/101 [23 per cento]).

La mediana (punto mediano) durata dal rinvio a morte è stato di 7 giorni (n = 49) per i team di consultazione di degenza, 7 giorni (n = 8) per PCU, e 90 giorni (n = 11) per ambulatori. "La nostra indagine ha rivelato che i pazienti di cure palliative sono stati indirizzati troppo tardi nel corso della malattia, un marker di accesso limitato e l'integrazione," scrivono gli autori.

Dirigenti centro Cancro, supporto di una maggiore integrazione e l'aumento delle risorse di cure palliative, motivi quali la scarsa rimborso e risorse istituzionali limitate come ostacoli alla fornitura di cure palliative citati. I ricercatori hanno anche scoperto che i programmi di ricerca, borse di cure palliative e le rotazioni obbligatorie per borsisti oncologia erano rare.

"Anche se la maggior parte dei centri di cancro hanno ora un programma di cure palliative, notevoli lacune e ritardi nella consegna di cura rimangono. Per adempiere American Society della visione di Clinical Oncology di piena integrazione delle cure palliative come parte di routine della cura del cancro globale entro il 2020, abbiamo urgente necessità di consolidare l'infrastruttura, come ambulatori e PCU, potenziare la formazione dei professionisti di cure palliative e oncologi, condurre ricerche sui modelli di integrazione innovativi e le misure di miglioramento della qualità, educare i pazienti e le loro famiglie, e avvocato per cambiamenti di politica di sanità pubblica. oncologi, specialisti in cure palliative , dirigenti e leader politici devono lavorare in stretta collaborazione per garantire l'accesso alle cure palliative di alta qualità per tutti i pazienti con cancro negli Stati Uniti ", concludono gli autori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha