Semplice strumento online per aiutare i medici nella diagnosi precoce del cancro ovarico

Aprile 26, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le vite di centinaia di donne potrebbero essere salvate ogni anno, grazie ad una semplice calcolatrice online che potrebbe aiutare i medici a identificare le donne più a rischio di avere il cancro ovarico in una fase molto più precoce.

Accademici dell'Università di Nottingham e ClinRisk Ltd hanno sviluppato un nuovo algoritmo QCancer utilizzando il database UK QResearch. Il nuovo algoritmo valuta una combinazione di sintomi dei pazienti e dei fattori di rischio per la bandiera rossa quelli più probabilità di avere il cancro ovarico e consentire loro di essere di cui per ulteriori indagini o il trattamento in una fase molto più precoce.

Uno studio sull'efficacia dell'algoritmo, pubblicato online questa settimana sul British Medical Journal, ha dimostrato che era successo nel predire quasi due terzi dei tumori ovarici nel 10 per cento delle donne che erano più a rischio di avere la malattia nel corso di un periodo di due anni.




A guidare la ricerca, il professor Julia Hippisley-Cox, ha dichiarato: "Il cancro ovarico è notoriamente difficile da individuare e ci auguriamo che questo nuovo strumento aiuterà i medici a identificare i pazienti più a rischio di avere il cancro ovarico di rinvio precoce e le indagini."

Il cancro ovarico è il settimo cancro più comune nelle donne in tutto il mondo e colpisce circa 6.700 donne nel Regno Unito ogni anno, uno dei tassi più alti d'Europa. La maggior parte delle donne sono diagnosticati quando la malattia è già in fase avanzata, il che significa che in molti casi le loro possibilità di sopravvivere per cinque anni dopo la diagnosi può essere a partire da sei per cento.

Meno di un terzo delle donne sono diagnosticati nelle prime fasi della malattia, ma di quelli che il 90 per cento sopravvive a cinque anni, mostrando che la diagnosi precoce e il trattamento può avere un impatto drammatico sulle possibilità di sopravvivenza del paziente.

Tuttavia, i medici si trovano ad affrontare la difficile sfida di fare una corretta diagnosi il più presto possibile per una malattia che ha pochi fattori di rischio e di una serie di sintomi non specifici, come la perdita di appetito, perdita di peso e dolore addominale che potrebbe anche puntare ad un certo numero di condizioni meno gravi e più comuni.

Per lo studio, i docenti hanno utilizzato i dati anonimi da 564 MMG interventi chirurgici che utilizzano il sistema di database QResearch® - un non-for-profit partnership tra l'Università di Nottingham e importanti medici sistemi fornitore EMIS. Hanno incluso informazioni per i pazienti di sesso femminile di età compresa tra 30 a 84, che non erano stati precedentemente diagnosticati con cancro ovarico e non hanno uno di una serie di sintomi "red flag" negli ultimi 12 mesi.

Hanno valutato i fattori di rischio tra cui l'età, storia familiare, precedente diagnosi di altre forme di cancro, perdita di appetito, perdita di peso, distensione addominale, sanguinamento rettale, sanguinamento post-menopausa e anemia di predire quali pazienti erano più a rischio di avere il cancro ovarico e combinato questi nell'algoritmo previsione del rischio.

Lo strumento ha avuto successo nel predire il 63 per cento di tutti i tumori ovarici sopra i due anni che erano nella top 10 per cento delle donne risulta essere più a rischio.

Oltre a rilevare il cancro in una fase precedente, lo strumento potrebbe aiutare i medici a dirigere le loro scarse risorse, come l'ecografia, risonanza magnetica e gli esami del sangue, ai pazienti più urgente bisogno di ulteriori indagini.

E 'in linea con la politica del governo attuale e il National Awareness and Early Diagnosis Initiative (NAEDI) - un terzo partenariato pubblico/settore tra il Dipartimento di Salute, National Cancer Action Team e Cancer Research UK.

La semplice calcolatrice web-based - http://www.qcancer.org/ovary - è stato progettato per i medici, ma una versione più semplice potrebbe essere messo a disposizione su Internet per sensibilizzare l'opinione pubblica e di stimolare le donne a rischio fattori o sintomi a chiedere consiglio al proprio medico. Potrebbe anche essere integrato in GP sistemi informatici clinici per l'uso durante la consultazione o per identificare i pazienti con combinazioni di sintomi che necessitano di ulteriore valutazione.

Punteggi simili che utilizzano QResearch® hanno già dimostrato efficace in ricerche precedenti per identificare i pazienti a maggior rischio di sviluppare il cancro ai polmoni, il cancro gastro-esofageo, il cancro dell'intestino, cancro al pancreas, la malattia di cuore, diabete di tipo 2, le fratture, malattie renali e coaguli di sangue gravi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha