Smettere di fumare può effettivamente aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

Maggio 24, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori sospettano che il rischio di diabete elevato è legato ai chili in più la gente di solito messo su dopo la rinuncia sigarette e cautela che nessuno dovrebbe usare i risultati dello studio come una scusa per continuare a fumare, che è anche un fattore di rischio per malattie polmonari, malattie cardiache, ictus e molti tipi di cancro.

"Il messaggio è: non ancora di iniziare a fumare", dice il leader di studio Hsin-Chieh "Jessica" Yeh, Ph.D., un assistente professore di medicina interna generale ed epidemiologia presso la Scuola di Medicina dell'Università John Hopkins.




"Se fumi, rinunciarvi. Questa è la cosa giusta da fare. Ma la gente deve guardare anche il loro peso", aggiunge.

Nello studio, pubblicato nel numero di gennaio 5 della Annals of Internal Medicine, i ricercatori hanno scoperto che le persone che smettono di fumare hanno un 70 per cento aumento del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 nei primi sei anni senza sigarette, rispetto alle persone che non hanno mai fumato. I rischi erano più alti nei primi tre anni dopo aver smesso e sono tornati alla normalità dopo 10 anni. Tra coloro che hanno continuato il fumo nel corso di tale periodo, il rischio era più basso, ma la probabilità di sviluppare il diabete era ancora del 30 per cento più alto rispetto a quelli che non hanno mai fumato.

Lo studio ha arruolato 10.892 adulti di mezza età che non hanno ancora il diabete dal 1987 al 1989. I pazienti sono stati seguiti per un massimo di 17 anni e dati sullo stato del diabete, i livelli di glucosio, peso e più sono stati raccolti ad intervalli regolari.

Il diabete di tipo 2 è una malattia comune che interferisce con la capacità del corpo di utilizzare correttamente lo zucchero, e per regolare e corretto utilizzare l'insulina, una sostanza prodotta dal pancreas che abbassa normalmente glicemia durante e dopo i pasti. Nel diabete di tipo 2, noto anche come diabete dell'adulto, il pancreas produce un sacco di insulina per aiutare il corpo quando il cibo è mangiato, ma il corpo non può utilizzare normalmente. Il risultato è livelli eccessivi di zucchero nel sangue, che nel tempo, può portare alla cecità, insufficienza renale, danni ai nervi e le malattie cardiache. Le persone in sovrappeso e quelli con una storia familiare della malattia hanno un aumentato rischio di sviluppare, come fare i fumatori, anche se la relazione causale non è chiaro.

Secondo lo studio, chi fumava più e quelli che ha guadagnato più peso ha avuto la più alta probabilità di sviluppare il diabete dopo aver smesso. In media, nel corso dei primi tre anni di studio, quitters guadagnato circa 8,4 chili e hanno visto i loro circonferenza vita crescono di circa 1,25 pollici.

Yeh ei suoi colleghi vogliono i medici a mantenere questi risultati in mente quando si stanno consultando con i pazienti che stanno dando le sigarette, soprattutto i fumatori pesanti. Essi raccomandano considerare contromisure come la consulenza stile di vita, gestione del peso aggressivo e l'uso della terapia sostitutiva della nicotina, che sembra smorzare l'aumento di peso correlato a smettere. Un altro passo fondamentale è più frequente lo screening della glicemia per garantire la prima rilevazione del diabete.

Oltre a Yeh, altri ricercatori Hopkins coinvolti nello studio comprendono Nae-Yuh Wang, Ph.D., e Frederick L. Brancati, MD, MHS, professore e capo della divisione di medicina interna generale.

Finanziamento per lo studio è venuto dal National Heart, Lung e Blood Institute e l'Istituto Nazionale di diabete, disturbi digestivi e renali, entrambi i National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha