SNPs in proteina C-reattiva non sono associati ad un aumentato rischio di cancro

Maggio 6, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Varianti geniche associate con un aumento dei livelli circolanti di proteina C-reattiva, un marker di infiammazione, non sono associati ad un aumentato rischio di cancro, secondo un nuovo breve comunicazione pubblicato online 7 gennaio sul Journal of National Cancer Institute.

Stig E. Bojesen, MD, Ph.D., del Dipartimento di Biochimica Clinica, Herlev Hospital, e Copenhagen University Hospital in Danimarca, e colleghi hanno usato un disegno di randomizzazione mendeliana per verificare se la proteina C-reattiva (CRP) polimorfismi erano associati a aumentato i livelli circolanti di CRP plasma e per determinare se questo aumento è stato associato con il cancro. La popolazione dello studio comprendeva circa 10.000 partecipanti in uno studio prospettico e circa 36.000 in uno studio trasversale della popolazione adulta generale di Danimarca, i quali, dove genotipizzati per CRP polimorfismi a singolo nucleotide (SNP).

I ricercatori hanno scoperto che le varianti nel gene CRP erano associati con livelli plasmatici di CRP alterati, ma non hanno trovato un'associazione tra queste varianti genetiche e un aumento del rischio di cancro. Gli autori scrivono che "... anche se possiamo essere in grado di escludere CRP per sé come causa di cancro, non possiamo escludere la possibilità che l'infiammazione potrebbe portare al cancro. Inoltre, i nostri risultati non inficiano il potenziale uso clinico di leggermente aumentata CRP plasma livelli di predire il rischio di alcuni sottotipi di cancro ".




In un editoriale di accompagnamento, Paolo Boffetta, MD, dell'Istituto Prevention Research International, a Lione, Francia, osserva: "Lo studio è un elegante esempio di come genetica varianti che hanno un impatto funzionale può essere utilizzato per esplorare le associazioni tra fattori ambientali e malattia, e in particolare di individuare e di controllo per i fattori confondenti, basate su un approccio che è diventato noto come la randomizzazione mendeliana ... "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha