Solfato di magnesio protegge neonati contro la paralisi cerebrale, Review Spettacoli

Marzo 15, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I risultati di questa recensione - Pubblicato 21 gennaio sul sito internazionale di ricerca The Cochrane Library - potrebbero contribuire a ridurre l'incidenza di questa condizione invalidante, che colpisce uno su 500 neonati complessivi e uno su 10 neonati molto prematuri (meno di 28 settimane di gestazione) .

La terapia solfato di magnesio coinvolge dando dosi di solfato di magnesio per le donne in gravidanza tramite iniezione.




Il potenziale di solfato di magnesio per ridurre il rischio di paralisi cerebrale nei neonati è stata proposta nei primi anni 1990. La nuova revisione Cochrane, che sostiene questa proposta, è stato condotto da ricercatori che conducono da Australia (Università di Melbourne e Università di Adelaide), la Francia (University Hospital, Rouen) e gli Stati Uniti (University of Alabama).

La revisione coinvolti dati di 6145 bambini inclusi in cinque prove della terapia prenatale solfato di magnesio.

"Per i bambini nati molto prematuri, c'è un alto rischio di paralisi cerebrale", dice uno dei ricercatori, il professor Caroline Crowther, direttore della University of Research Centre di Adelaide australiano per la salute di donne e bambini (ARCH), con sede presso l'Donne e Ospedale dei bambini.

"Questa nuova revisione Cochrane mostra ora vi sono prove a sostegno che dà il magnesio solfato terapia per le donne a rischio di parto pretermine molto per aumentare la probabilità del loro bambino non ancora nato di sopravvivenza, priva di paralisi cerebrale."

L'esatto meccanismo di solfato di magnesio nel proteggere il cervello di sviluppo non è certa. Tuttavia, il magnesio è essenziale per la funzione cellulare normale, può proteggere contro molecole distruttive che possono danneggiare le cellule, e in alcune circostanze migliora il flusso sanguigno.

Gli effetti collaterali del trattamento includono Flushing, sudorazione, nausea, vomito, mal di testa e palpitazioni. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato nessun aumento complicanze maggiori nelle madri dovute alla terapia di magnesio.

"Visti i risultati positivi della revisione Cochrane, dovranno essere condotti per chiarire esattamente come funziona solfato di magnesio come agente neuroprotettivo, chi deve ricevere il farmaco e il modo migliore dovrebbe essere dato il trattamento di ulteriori studi," dice il professor Crowther.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha