Sono alcune persone immune da influenza aviaria?

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il virus dell'influenza aviaria H5N1 è molto diversa dalle stagionale H1N1 e H3N2 virus dell'influenza maggior parte degli umani sono stati esposti a, che è il motivo per cui molti scienziati ritengono che il virus H5N1 potrebbe iniziare una nuova pandemia. (H e N riferiscono a due componenti virali, proteine ​​emoagglutinina e neuraminidasi, ciascuno dei quali esiste in diverse varietà identificati da un numero che segue la lettera.)

Webby e colleghi si sono chiesti se l'immunità al umana di tipo 1 neuraminidasi (huN1) in ceppi di virus influenzale H1N1 (e vaccini fatti per proteggere contro di loro) potrebbe fornire una protezione contro il virus dell'influenza aviaria H5N1, che contiene il strettamente correlata tipo aviario 1 neuraminidasi (avN1) . Nel nuovo studio, hanno studiato questa possibilità nei topi e in un piccolo gruppo di umani.




I ricercatori immunizzati topi con il DNA che ha causato loro cellule per rendere la neuraminidasi da un virus H1N1 trovato in epidemie umane. Hanno quindi esaminato la risposta immunitaria dei topi a questo huN1 ea avN1 da un virus H5N1 dell'influenza aviaria isolato da un paziente umano (A/Vietnam/1203/04). La maggior parte dei topi hanno risposto al vaccino DNA facendo anticorpi che riconoscono huN1; alcuni anticorpi anche fatte contro avN1. (Anticorpi sono proteine ​​che circolano nel corpo che riconoscono e attaccano ad una parte specifica di un agente estraneo, come un virus.) Tutti i topi vaccinati sopravvissuti infezione con un virus influenzale dall'uomo contenenti huN1, e la metà anche sopravvissuti infezione con basse dosi di A/Vietnam/1203-1204 o di un virus artificiale contenente avN1.

I ricercatori hanno poi testato campioni di sangue di 38 volontari per la loro capacità di inattivare neuraminidasi da un virus H1N1 e due virus H5N1. La maggior parte dei campioni erano attivi contro la proteina del virus H1N1; e 8 o 9 anche inibito la proteina da entrambi i virus H5N1.

I risultati indicano che un vaccino contenente huN1 rende topi producono anticorpi che in parte li proteggono contro l'infezione H5N1 dell'influenza aviaria. Inoltre, i dati umani suggeriscono che una percentuale di persone hanno anticorpi a basso titolo contro l'influenza H5N1 a causa di una precedente esposizione al virus H1N1 o vaccinazione antinfluenzale di routine.

Come Laura Gillim-Ross e Kanta Subbarao (US National Institute of Allergy e Malattie infettive) scrivono in un articolo di accompagnamento prospettiva, questi risultati forniscono un suggerimento allettante, ma sono inferiori di dimostrare che esiste una protezione reale per l'uomo contro l'influenza aviaria. Sono necessari ulteriori lavori per indagare questa importante questione, e Gillim-Ross e Subbarao discutere le sfide e le opportunità per questo tipo di ricerca.

Citation: Sandbulte MR, Jimenez GS, Boon ACM, Smith LR, Treanor JJ, et al. Anticorpi (2007) della neuraminidasi Cross-reattiva offrono una protezione parziale contro il virus H5N1 nei topi e sono presenti negli esseri umani non esposti. PLoS Med 4 (2): E59. (Http://dx.doi.org/10.1371/journal.pmed.0040059)

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha