Sostanza chimica bisfenolo Plastic A (BPA) legata a malattie cardiovascolari negli adulti, conferma l'analisi

Aprile 13, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Peninsula Medical School e l'Università di Exeter, UK, hanno trovato ulteriori prove di un legame tra l'esposizione bisfenolo A (BPA, una sostanza chimica comunemente usato in contenitori di plastica per alimenti) e le malattie cardiovascolari. Il team ha analizzato i nuovi dati della popolazione degli Stati Uniti ed i loro risultati sono pubblicati dalla rivista on line PLoS ONE.

Il nuovo studio utilizza i dati da NHANES 2006-2006 US studio di popolazione. Mentre il nuovo studio ha scoperto che le concentrazioni urinarie di BPA sono di un terzo inferiori nel 2003-2004, le concentrazioni di BPA più elevati in campioni di urina erano ancora associati con la malattia di cuore nel 2005-2006. Associazioni con alcuni enzimi epatici erano presenti. Il loro articolo originale nel 2008 è stato il primo a trovare le prove di associazioni tra BPA e malattie cardiache, e questi nuovi dati confermano i loro risultati precedenti.

Nel 2008 il team ritiene che maggiori concentrazioni di BPA urinario possono essere associati ad effetti negativi per la salute negli adulti, soprattutto in relazione alla funzione del fegato, l'insulina, il diabete e l'obesità. Utilizzando i dati dal National Health and Nutrition Examination Survey del governo degli Stati Uniti (NHANES) 2004-2004, che per la prima volta misurato concentrazioni urinarie di BPA, il team di ricerca ha scoperto che un quarto della popolazione con i più alti livelli di BPA sono stati più di due volte come probabilità di relazione con malattie cardiache o diabete, rispetto al trimestre con i livelli più bassi di BPA. Hanno anche scoperto che i livelli di BPA più elevati sono stati associati con concentrazioni di enzimi epatici clinicamente anormali.




Il professor David Melzer, Professore di Epidemiologia e Sanità pubblica presso la Peninsula Medical School (Exeter, UK), che ha guidato la squadra, ha commentato:. "Questa è solo la seconda analisi di BPA in un ampio campione di popolazione umana Ci ha permesso di gran parte confermare la nostra analisi originale ed escludere la possibilità che i nostri risultati originali erano una statistica 'blip' "

Professor Tamara Galloway, docente di Ecotossicologia presso l'Università di Exeter e senior autore del documento ha aggiunto: "Abbiamo ora bisogno di indagare che cosa provoca queste associazioni rischio per la salute in modo più dettagliato e di chiarire se esse sono causate da BPA stessa o da altri fattori legati all'esposizione BPA. I rischi associati all'esposizione al BPA possono essere piccole, ma sono rilevanti per un gran numero di persone. Questa informazione è importante perché offre una grande opportunità di intervento per ridurre i rischi. "

BPA è una sostanza chimica controverso comunemente utilizzato in contenitori per alimenti e bevande. E ha già provocato preoccupazioni per i rischi sanitari per i bambini, in quanto è presente in bottiglie di qualche bambino. Diverse nazioni si sono spostati di vietare BPA della fabbricazione di biberon e di altre apparecchiature di alimentazione.

BPA è usato in prodotti di plastica in policarbonato, come gli imballaggi per bevande riutilizzabili, alcuni utensili in plastica alimentari e molti altri prodotti di uso quotidiano. E 'uno dei più alti di sostanze chimiche di volume di produzione di tutto il mondo, con oltre 2,2 milioni di tonnellate (6,4 miliardi libra) prodotti annualmente, ed è rilevabile nei corpi di oltre il 90% della popolazione.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha