Specifica proteina può aiutare le cellule beta sopravvivere nel diabete di tipo 1

Aprile 23, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Nel pancreas sane di qualcuno senza diabete di tipo 1 (T1D), l'ormone insulina (essenziale per trasformare il cibo in energia) è prodotto, immagazzinato e rilasciato in un processo normale "fabbrica-like" all'interno delle cellule beta del pancreas in risposta al glucosio in la dieta. All'inizio corso del T1D, però, eccessiva o patologica stress cellule beta compromette la loro capacità di secernere insulina correttamente, innescando una cascata di eventi che contribuiscono infine alla morte delle cellule beta.

Nel corso degli ultimi anni, i ricercatori JDRF-finanziati dall'UE hanno trovato la prova che lo stress delle cellule beta può giocare un ruolo nell'insorgenza di diabete di tipo 1, e sono ricerca di possibili vie per impedire che si verifichi, quindi, potenzialmente, la tutela della salute delle cellule beta e il mantenimento di funzione delle cellule beta normali . Nel mese di aprile, i ricercatori JDRF finanziati in Finlandia rilasciato nuove scoperte nel cellPress giornale che aggiunge un altro pezzo al puzzle di stress delle cellule beta e diabete di tipo 1.

Guidata dal dottor Mart Saarma, Dr. Maria Lindahl, e il Dr. Timo Otonkoski dell'Università di Helsinki, insieme ad altri ricercatori, lo studio ha dimostrato che una proteina chiamata MANF (mesencefalica astrociti-derived neurotrophic factor) può aiutare a proteggere le cellule beta da vivendo risposta eccessiva o patologica stress. Nello studio, i topi con deficit di proteina sviluppato rapida insorgenza di diabete di tipo 1 a causa di una diminuzione della massa delle cellule beta dopo la nascita. Al contrario, la sovraespressione della proteina MANF nei topi ha determinato un aumento rigenerazione delle cellule beta e promosso la sopravvivenza delle cellule beta in questo modello murino di diabete di tipo 1. Lo studio indica che le proteine ​​MANF può contrastare lo stress delle cellule beta, promuovendo la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule beta - informazioni che potrebbero rivelarsi molto utili per lo sviluppo di terapie traslazionale sopravvivenza delle cellule beta per gli esseri umani con diabete di tipo 1 in futuro.




Questi risultati sono un anno dopo un assegno di ricerca di tre anni dalla JDRF per sostenere la scoperta e lo sviluppo di metodi possibili per proteggere e rigenerare le cellule beta nelle persone con diabete di tipo 1. Ancora, più ricerca deve essere fatto in altri modelli di diabete di tipo 1 di animali, come un modello da solo non imitare proprio la complessa patogenesi di diabete di tipo 1 negli esseri umani. Inoltre, risultati preliminari saranno convalidati con le cellule beta umane. La crescente conoscenza della biologia delle cellule beta, grazie a studi come questo, aiuta ad aprire più percorsi verso potenzialmente preservare e ripristinare la funzione delle cellule beta nelle persone con diabete di tipo 1.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha