Spettacoli antidepressivi promessa come trattamento del cancro

Aprile 15, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un antidepressivo combinato con un farmaco derivato dalla vitamina A potrebbe essere utilizzato per il trattamento di una forma comune di leucemia adulta, secondo una ricerca di laboratorio condotto da un team presso l'Istituto di ricerca sul cancro (ICR).

Un retinoide chiamato acido all-trans retinoico (ATRA), che è una vitamina A-derivati, è già utilizzato con successo per trattare un raro sottotipo di leucemia mieloide acuta (AML) *, tuttavia questo farmaco non è stato efficace per i più comuni tipi di LAM.

Team leader dottor Arthur Zelent e colleghi presso l'ICR, con il finanziamento principale di leucemia & Lymphoma Research, hanno lavorato per sbloccare il potenziale di retinoidi per il trattamento di altri pazienti con leucemia mieloide acuta. In un recenlty documento pubblicato su Nature Medicine, dimostrano che la chiave potrebbe essere un antidepressivo chiamato tranilcipromina (TCP).




"I retinoidi hanno già trasformato un raro tipo di leucemia mortale in una malattia curabile. Ora abbiamo trovato un modo per sfruttare queste potenti farmaci per il trattamento di tipi molto più comune di leucemia", autore senior Dr Zelent, dalla ICR, ha detto. "Fino ad ora, è stato un mistero il motivo per cui le altre forme di AML non rispondono a questo farmaco. Il nostro studio ha rivelato che c'era un blocco molecolare che potrebbe essere invertita con un secondo farmaco che viene già comunemente usato come un antidepressivo. Pensiamo questa è una strategia molto promettente, e se questi risultati possono essere replicati in pazienti i benefici potenziali sono enormi ".

ATRA agisce stimolando le cellule leucemiche a maturare e morire naturalmente. Il team pensa che il fallimento di AML per rispondere a questo farmaco può essere causa di geni che normalmente ATRA interventi interessano diventando spento. Nella loro ricerca di un farmaco che potrebbe essere utilizzato per riavviare l'attività di ATRA, la squadra sembrava un settore emergente di ricerca chiamato epigenetica. Farmaci epigenetici non bersaglio geni direttamente, ma invece di mira se i geni sono attivati ​​o disattivati. Hanno scoperto che inibendo un enzima chiamato LSD1, utilizzando il protocollo TCP, potrebbe passare questi geni di nuovo e rendere le cellule tumorali sensibili a ATRA.

Insieme con i collaboratori presso l'Università di Mьnster in Germania, la squadra ha già iniziato uno studio clinico di Fase II della combinazione di farmaci in pazienti affetti da leucemia mieloide acuta.

Co-autore, il dottor Kevin Petrie dalla ICR dice: "Sia il retinoidi ATRA e il TCP antidepressivo sono già disponibili nel Regno Unito e fuori brevetto, per cui questi farmaci non devono essere costoso per il servizio sanitario AML rimane molto difficile da trattare e. purtroppo è spesso fatale, con tassi di malattia previsto per aumentare significativamente l'invecchiamento della popolazione, quindi è particolarmente gradito l'aver individuato questo nuovo approccio terapeutico. È importante sottolineare che, crediamo che questi farmaci prendono di mira solo le cellule tumorali e lasciando le cellule sane normali in gran parte intatto, quindi siamo fiduciosi che avrebbero meno effetti collaterali per i pazienti rispetto ai farmaci standard. Non vediamo l'ora di vedere i risultati delle sperimentazioni cliniche. "

Ogni anno, più di 2.200 persone nel Regno Unito sono diagnosticati con leucemia mieloide acuta, un tipo di cancro caratterizzata dalla crescita incontrollata dei globuli bianchi immaturi nel midollo osseo.

Il professor Chris Bunce, Research Director di leucemia & Lymphoma Research, ha dichiarato: "Questi risultati sono estremamente significativi farmaci attuali per AML sono molto aggressive e molti pazienti anziani hanno una scarsa visione in quanto non possono tollerare il trattamento ATRA è stato un grande successo in.. ultimi anni nel trattamento di un particolare sottotipo di leucemia mieloide acuta. Nella ricerca di un modo per espandere il suo utilizzo, avremmo il potenziale per salvare migliaia di vite ogni anno ".

Lo studio è stato una collaborazione tra scienziati della ICR, Cardiff University e Queen University, Belfast, nel Regno Unito; Johns Hopkins University di Baltimora, Progen Pharmaceuticals e Medical University of South Carolina negli Stati Uniti; la University Health Network e l'Università di Toronto, in Canada; e l'Università di Mьnster in Germania. E 'stato finanziato nel Regno Unito da leucemia & Lymphoma Research insieme al Samuel Waxman Cancer Research Foundation.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha