Stabilimento indiano potrebbe giocare ruolo chiave nella morte delle cellule tumorali

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati della Georgia Regents dell'Università Cancer Center hanno identificato una pianta indiana, usata per secoli per trattare l'infiammazione, la febbre e la malaria, che potrebbe aiutare a uccidere le cellule tumorali.

Le cellule tumorali tipicamente evitano morte dirottando chaperon molecolari che guidano e proteggono le proteine ​​che assicurano la normale funzione cellulare e poi per indurre quest'ultimo ad aiutare le versioni mutate di quelle proteine ​​rimanere in vita, dice il dottor Ahmed Chadli, un ricercatore nel Chaperone Programma Molecolare GRU Cancer Center e autore senior dello studio denominato Journal di carta di Chimica Biologica della settimana.

Sviluppo di farmaci si è concentrata sulla chaperone Hsp90 (Heat Shock Protein 90) in quanto svolge un ruolo chiave nell'aiutare proteine ​​mutate, il che rende un bersaglio attraente farmaco contro il cancro. Tuttavia, l'efficacia clinica degli inibitori Hsp90 è stato deludente. La maggior parte delle attuali piccole molecole di targeting Hsp90 hanno inavvertitamente portato alla espressione di proteine ​​che proteggono le cellule tumorali dalla morte cellulare programmata e compromettono gli inibitori Hsp90 nella clinica.




In questo studio, però, Chaitanya Patwardhan, uno studente laureato nel laboratorio del Dr. Chadli, ha scoperto che gedunin, un composto stabilimento indiano, attacca un co-chaperone, o proteine ​​aiutante, di Hsp90 chiamato p23.

"Questo composto si lega direttamente alla P23, che porta alla inattivazione della macchina Hsp90 - senza produzione di proteine ​​anti-apoptotiche - uccidendo così le cellule tumorali", ha detto il dottor Chadli. "L'idea è che questo aprirà una porta per nuovi modi di mira Hsp90 di mira le sue proteine ​​di supporto, che possono essere utilizzati in combinazione con gli inibitori Hsp90 stabilito che sono studi clinici in corso. In futuro, questa ricerca potrebbe avere applicazioni in droga sviluppo per i tumori ormone-dipendenti, compresi seno, prostata e tumori endometriali. "

"Una delle principali aree di enfasi scientifica del GRU Cancer Center è quello di sviluppare approcci terapeutici per il cancro di targeting molecole specifiche all'interno della cellula tumorale, compresi accompagnatori", ha detto il dottor Samir N. Khleif, Direttore del GRU Cancer Center. "Questo risultato è un pezzo importante del puzzle, ci avvicina al nostro obiettivo di aiutare i pazienti con il cancro."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha