Stem Cell Technology punti di indicatori precoci della schizofrenia

Aprile 18, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Utilizzando la nuova tecnologia delle cellule staminali, gli scienziati del Salk Institute hanno dimostrato che i neuroni generati dalle cellule della pelle delle persone con schizofrenia si comportano stranamente nelle fasi precoci dello sviluppo, fornendo un suggerimento di modi per rilevare e potenzialmente curare la malattia precoce.

I risultati dello studio, pubblicato online in Molecular Psychiatry di aprile sostengono la teoria che la disfunzione neurologica che causa infine la schizofrenia può iniziare nel cervello dei bambini ancora nel grembo materno.

"Questo studio si propone di indagare i primi cambiamenti rilevabili nel cervello che portano alla schizofrenia", dice Fred H. Gage, Salk professore di genetica. "Siamo rimasti sorpresi da quanto prime fasi del processo di sviluppo che i difetti nella funzione neurale potrebbe essere rilevato."




Attualmente, più di 1,1 per cento della popolazione mondiale ha la schizofrenia, con una stima di tre milioni di casi nei soli Stati Uniti. Il costo economico è elevato: nel 2002, gli americani speso quasi 63 miliardi dollari in trattamento e disabilità gestione. Il costo emotivo è ancora più alta: il 10 per cento di quelli con schizofrenia sono spinti a suicidarsi l'onere di affrontare la malattia.

Anche se la schizofrenia è una malattia devastante, gli scienziati sanno ancora molto poco sulle sue cause, e non si sa ancora che le cellule del cervello sono interessati e in che modo. In precedenza, gli scienziati erano solo in grado di studiare la schizofrenia esaminando i cervelli dei pazienti dopo la morte, ma l'età, stress, farmaci o abuso di droghe erano spesso alterato o danneggiato il cervello di questi pazienti, il che rende difficile individuare le origini della malattia.

Gli scienziati sono stati in grado di Salk evitare questo ostacolo utilizzando le tecnologie di cellule staminali. Hanno preso cellule della pelle da pazienti, blandito le cellule di tornare ad una forma di cellule staminali prima e poi chiesto di crescere in molto neuroni in fase iniziale (cellule progenitrici neurali doppiate o PNG). Questi NPC sono simili alle cellule del cervello di un feto.

I ricercatori hanno generato PNG dalle cellule della pelle di quattro pazienti con schizofrenia e sei persone senza la malattia. Hanno testato le celle in due tipi di analisi: in un test, si guardarono in quale misura le cellule spostati e interagito con superfici particolari; in altri test, guardavano lo stress nelle cellule dai mitocondri Imaging, che sono piccoli organelli che generano energia per le cellule.

In entrambi i test, il team ha scoperto che Salk PNG da parte di persone con schizofrenia differivano in modo significativo da quelli presi da persone non affette.

In particolare, le cellule predisposte alla schizofrenia hanno mostrato attività insolite in due grandi classi di proteine: coloro che sono coinvolti in adesione e la connettività, e coloro che sono coinvolti nello stress ossidativo. Cellule neurali da pazienti con schizofrenia tendevano ad avere migrazione aberrante (che può comportare la scarsa connettività vedrà più avanti nel cervello) e aumento dei livelli di stress ossidativo (che può portare alla morte cellulare).

Questi risultati sono coerenti con una teoria prevalente che gli eventi che si verificano durante la gravidanza può contribuire alla schizofrenia, anche se la malattia non si manifesta fino all'età adulta. Precedenti studi suggeriscono che le madri che soffrono di infezioni, malnutrizione o stress estremo durante la gravidanza sono a più alto rischio di avere figli affetti da schizofrenia. La ragione di questo è sconosciuta, ma entrambi i fattori genetici e ambientali possono svolgere un ruolo.

"Lo studio suggerisce che ci possono essere opportunità di creare test diagnostici per la schizofrenia in una fase iniziale", afferma Gage, che detiene il VI e Giovanni Adler Chair for Research on Age-Related malattie neurodegenerative.

Kristen Brennand, il primo autore della carta e professore assistente presso Icahn Scuola di Medicina Mount Sinai, ha detto che i ricercatori sono rimasti sorpresi che i neuroni della pelle-derivati ​​sono rimasti in una fase iniziale di sviluppo. "Ci siamo resi conto che non erano maturi i neuroni, ma solo vecchio come i neuroni nel primo trimestre", dice Brennand. "Così non stavamo studiando la schizofrenia, ma le cose che vanno male molto tempo prima che i pazienti realmente ammaliamo."

È interessante notare che lo studio ha anche scoperto che i farmaci antipsicotici come clozapina e loxapina non ha migliorato la migrazione in NPC (in particolare, loxapina realtà peggiorata migrazione in queste cellule).

"E 'stato un esperimento che ha dato i risultati opposti da quello che ci aspettavamo", dice Brennand. "Anche se a ben vedere, l'uso di farmaci che curano i sintomi non potrebbe essere utile nel tentativo di prevenire la malattia."

I prossimi passi per questo lavoro sarà quello di aumentare la dimensione del campione di una gamma più ampia di pazienti e di guardare centinaia o migliaia di campioni di pazienti, dice Brennand.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha