Strain ricercatori Scopri primo animale di epatite E virus

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati del National Institute of Allergy e InfectiousDiseases (NIAID) a Bethesda, Md., Hanno identificato un ceppo di virus ofhepatitis E nei suini, che è molto simile al ceppo che causesdisease negli esseri umani. Tuttavia, non vi è alcuna prova che il maiale viruscauses malattia nell'uomo o maiali.

La scoperta, pubblicata inthe 2 Settembre 1997 numero degli Atti delle Scienze Nazionali Academyof, dovrebbe aiutare gli studi anticipati di epatite E Inumani malattia e alla fine potrebbe portare allo sviluppo di un vaccino.




"Questa è una scoperta molto interessante che aprirà nuove ricerche avenuesof, e contribuire alle strategie per trattare o prevenire l'epatite Edisease", dice Robert H. Purcell, MD, capo del virusessection epatite nel Laboratorio di NIAID di Malattie Infettive (LID) e seniorauthor dello studio. "A differenza di epatite A, B e C, l'epatite E diseasealmost mai avviene negli Stati Uniti. Tuttavia, le epidemie di thedisease si verificano periodicamente in via di sviluppo in Africa andAsia."

Il virus dell'epatite E è più comunemente trasmesse a peoplethrough acqua contaminata in zone con scarsa igiene. La malattia colpisce generalmente i giovani adulti e di solito non è pericolosa per la vita, tranne che nelle donne in gravidanza infettate con il virus wherefatality sono stati riportati i tassi di 15 a 20 per cento.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), quasi tutti i casi di epatite acuta E negli Stati Stateshave si è verificato tra i viaggiatori di ritorno da zone in cui la malattia è endemica hepatitisE. Tuttavia, studi recenti hanno dimostrato thatupwards del 20 per cento delle persone sane di questo paese - anche thosewho non hanno viaggiato all'estero - avere anticorpi agli agenti virusor relative epatite E nel loro sangue. Prova simile di esposizione tohepatitis virus E o agenti collegati è stato anche inprimates documentati e suina.

Per esplorare la natura di queste infezioni nei suini, Xiang-Jinmeng, MD, Ph.D., lavorando con il Dr. Purcell e la loro LID colleagueSuzanne U. Emerson, Ph.D., proiettato campioni di sangue suino con anassay progettato per rilevare anticorpi ceppi di epatite Evirus umana. La maggior parte dei campioni, prelevati da allevamenti suini negli MidwesternUnited Uniti, sono risultati positivi per gli anticorpi del virus dell'epatite E.

In un'analisi separata, suinetti nati da sowswere anticorpo-negativi risultano seroconvert (sviluppare anticorpi contro il virus dell'epatite E) quando cresciuto in grandi recinti con altri suinetti. Nessuno dei suinetti, tuttavia, ha mostrato segni clinici di malattia dopo sieroconversione.

Utilizzando tecniche di reazione a catena della polimerasi (PCR), i LIDscientists isolato putativo virus dell'epatite E materiale genetico campioni di sangue fromswine e confrontate la sua sequenza genetica a quella ofhuman virus dell'epatite E. Essi hanno scoperto che il virus suina è stato closelyrelated, ma distinto da, ceppi umani del virus.

"A livello di aminoacidi, la suina e ceppi umani areabout 90 per cento allo stesso modo", spiega il Dr. Meng. Gli aminoacidi sono themolecules da cui sono fatte le proteine. "Tra la maggior parte humanstrains del virus dell'epatite E, amino acido è identità tra 97 e 99percent." I ricercatori dicono che i loro risultati suggeriscono fortemente che ceppo apreviously non riconosciuta del virus dell'epatite E circola popolazione theswine.

"E 'importante ricordare che il ceppo virale isolato fromthe suina in questo studio è distinta da ceppi conosciuti causedisease negli esseri umani", spiega il dottor Meng. "Eppure, ulteriori studi per determinare se areneeded virus dell'epatite E suina è specie-specifico o sta circolando nella popolazione umana, senza causingdisease. Queste infezioni subcliniche di esseri umani con virus hepatitisE suina potrebbe spiegare la prevalenza relativamente elevata di Eantibodies epatite in individui sani in Stati Uniti. "

Se così fosse, dice il dottor Meng, il forte immunologiccross reattività dei suini e ceppi umani suggerisce che swinehepatitis virus e potrebbe rivelarsi utile come vaccino contro il humanvirus. Le somiglianze tra i maiali e virus umani alsosuggest che i maiali potrebbero fornire un modello animale di infezione da virus dell'epatite E forstudying alternativa. Attualmente, gli scienziati devono useexpensive modelli di primati per studiare il virus.

"La possibilità che l'epatite suina virus può infettare E humansalso solleva un problema di salute pubblica per quanto riguarda l'uso di organi di maiale trapianto disumano", avverte il dottor Purcell. "Pigviruses non patogeni potrebbero eventualmente diventare patogeni in transplantrecipients umani, tanto più che i pazienti trapiantati ricevono farmaci immunosoppressori."

Oltre a queste preoccupazioni, il dottor Purcell aggiunge, c'è noevidence che il virus suino rappresenta una minaccia per gli esseri umani sani orpigs.

"Suina virus dell'epatite E è probabilmente comune in tutta TheWorld," dice. "Gli anticorpi anti-epatite E o agenti correlati havebeen trovati nei suini sani e in diverse altre specie ofdomesticated e animali selvatici in un certo numero di paesi. Allo stesso modo, questi anticorpi sono stati trovati nella maggior parte delle popolazioni umane, evenwhere malattia epatite E non si verifica. Inoltre, la divergenza genetica degreeof del virus suini da virussuggests E epatite umani che è stato in giro per molto tempo. "

Oltre agli scienziati NIAID, collaboratori di questo studyinclude Patrick G. Halbur, DVM, Ph.D., della Iowa State UniversityCollege di Medicina Veterinaria; Dale M. Webb, DVM, Ph.D., di theIllinois Dipartimento dell'Agricoltura; James R. Lehman, D.V.M., ofAtlanta, Ill .; e altri veterinari in Iowa e Illinois.

NIAID, un componente del National Institutes of Health (NIH), sostiene la ricerca su AIDS, la malaria e altre malattie infettive, proprio come le allergie e immunologia. NIH e CDC sono agenzie di theU.S. Dipartimento di Salute e Servizi Umani. ###

Comunicati stampa, schede tecniche e altre NIAID materiali areavailable su Internet tramite la home page NIAID all'indirizzohttp: //www.niaid.nih.gov.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha