Strategie pubblicitarie simili usati dalle industrie conciaria e tabacco al coperto

Marzo 25, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Mentre le comprovate conseguenze negative sulla salute del fumo e abbronzatura sono innegabili, tabacco e abbronzatura indoor inserzionisti vorrebbero i consumatori a pensare il contrario. In realtà, un nuovo studio che confronta le tattiche usate nella pubblicità del tabacco e dei prodotti di abbronzatura indoor trovato parecchie somiglianze nel modo in cui questi due settori commercializzano prodotti non salutari.

Nel rapporto intitolato "Confronto di strategie pubblicitarie tra abbronzatura e del tabacco al coperto", pubblicato on-line nel Journal of American Academy of Dermatology, dermatologo David A. Jones, MD, PhD, FAAD, in uno studio privato a Newton, Mass ., ha presentato i risultati di uno studio osservazionale che ha concluso che entrambe le industrie utilizzano strategie pubblicitarie per contrastare problemi di salute dei loro prodotti al fine di influenzare positivamente la percezione del consumatore del fumo e abbronzatura indoor e la domanda del settore auto.

"L'industria conciaria interna ha registrato vendite sul mercato interno in eccesso di 2,7 miliardi dollari nel 2007, e si basa molto sulla pubblicità per vendere l'idea ingannevole di un 'sicuro' o 'sana' abbronzatura al pubblico", ha detto il dottor Jones. "Anche se è ben documentato che le radiazioni UV da luce naturale e dispositivi di abbronzatura indoor è una causa nota di cancro della pelle, il pubblico non è sempre consapevole dei gravi rischi per la salute connessi con abbronzatura indoor - e pratiche pubblicitarie del settore concia capitalizzare questo fatto. "




Nel rivedere 2.000 annunci provenienti da quattro grandi database di immagini pubblicitarie di tabacco, il dottor Jones e il suo collega, Jennifer Herrmann, MD, individuato quattro profili di strategia chiave che sono stati utilizzati per vendere i loro prodotti. Queste strategie inclusi: mitigare le preoccupazioni di salute, facendo appello a un senso di accettazione sociale, sottolineando gli effetti psychotrophic, e il targeting segmenti specifici della popolazione. Dr. Jones ha aggiunto che la pubblicità del tabacco è stato selezionato come un quadro di riferimento, perché è ben documentato e studiato per promuovere un prodotto con rischi per la salute conosciuti.

Successivamente, una collezione di circa 350 annunci di abbronzatura contemporanei è stato compilato da una varietà di fonti - come riviste di settore, siti web e salone di settore, e in-store materiali promozionali - e valutata in base ai quattro strategie chiave identificati nel tabacco pubblicità.

Come l'aumento di incidenza di cancro ai polmoni, malattie respiratorie e cardiovascolari e di altri rischi per la salute legati al fumo ha continuato a montare nel corso degli anni, l'industria del tabacco ha modificato la sua strategia pubblicitaria per mitigare questi rischi per la salute conosciuti. In particolare, l'industria del tabacco ha reclutato medici come alleati fondamentali nella commercializzazione dei loro prodotti, rassicurato il pubblico che i loro marchi avevano vantaggi per la salute competitivi, e lodato l'intelligenza dei fumatori per la scelta di sigarette commercializzate come "sicure" sigarette.

Utilizzando medici come alleati Risalente al 1930 e 1940, il dottor Jones e il suo collega ha scoperto che i medici che indossano camice bianco spesso apparsi in pubblicità di sigarette - che usano l'immagine del medico per rassicurare i consumatori che le sigarette erano al sicuro. Allo stesso modo, annunci di abbronzatura indoor hanno fatto ricorso all'utilizzo di medici e citando studi di ricerca medica per cercare di convincere il pubblico che abbronzatura indoor è in qualche modo "sicuro" o "più sicuro" rispetto abbronzatura all'aperto.

"Il ragionamento alla base di questi annunci è che se i medici fanno qualcosa, poi in qualche modo deve essere a posto", ha detto il dottor Jones. "Tuttavia, questi annunci omettono i risultati di un recente sondaggio indica che il 100 per cento dei dermatologi e 84 per cento dei medici non dermatologo sarebbe scoraggiare UV abbronzatura per scopi non medici, anche in pazienti sani."

Promuovere ingannevoli vantaggi per la salute Quando la consapevolezza dei rischi per la salute delle sigarette ha cominciato a crescere nel 1950 e 1960, l'industria del tabacco ha risposto con quello che ha coniato come "sicure", "", sigarette con filtro. Dr. Jones ha osservato che l'obiettivo di questi annunci è stato quello di convincere i consumatori che filtravano le sigarette fornite protezione dagli effetti nocivi del fumo, ma senza ammettere che il fumo era dannoso per la salute.

Per fugare le crescenti preoccupazioni circa i pericoli di esposizione ai raggi UV, l'industria conciaria interna ricambiato con campagne di "riduzione del danno", che erano simili a quelli utilizzati dall'industria del tabacco. Ad esempio, alcuni inserzionisti hanno iniziato la promozione dei loro lettini abbronzanti come "libero-UVB" o "99% UVA pura" nel corso del 1980 quando la ricerca ha confermato che i raggi UVB sono cancerogeni. Questi annunci, ovviamente, non è riuscito a dire che i raggi UVA sono anche dannose e possono causare il cancro della pelle.

Un altro popolare tattica riduzione del danno utilizzati in pubblicità concia è quello di promuovere i benefici per la salute di produzione di vitamina D da esposizione ai raggi UV. In questi tipi di annunci, i consumatori sono portati a credere che l'esposizione ai raggi UV da entrambi i raggi solari e abbronzanti naturali è utile nella produzione di vitamina D, che la ricerca suggerisce può fornire una protezione contro le malattie cardiache e di altri tumori.

"Quello che questi annunci omettono è che l'esposizione ai raggi UV aumenta il rischio di cancro della pelle, e ci sono modi più sicuri per ottenere questa importante vitamina", ha detto il dottor Jones. "Una quantità adeguata di vitamina D può essere ottenuto da integratori di vitamina D - senza i rischi per la salute di ottenere vitamina D da esposizione ai raggi UV intenzionale."

Niente intelligente su annunci che fanno appello all'intelligenza del consumatore Un'altra tattica usata dai produttori di tabacco nella pubblicità è quello di cercare di rendere in qualche modo i consumatori credono di essere "intelligenti" di fumare una certa marca di sigarette su un altro marchio. Dr. Jones e il suo collega ha scoperto che l'industria conciaria interna fa appelli simili alla intelligenza dei consumatori, promuovendo la prevenzione scottature a concia strutture letto attraverso professionisti qualificati che insegnano ai consumatori come "tan in sicurezza" senza essere bruciato dal sole.

"Questa tattica non riesce a ricordare che la concia per evitare scottature fornisce solo una protezione SPF di 3, e contemporaneamente causando danni alla pelle che può portare a futuri tumori della pelle", ha detto il dottor Jones. "Inoltre, gli studi mostrano anche che i membri del personale degli impianti di abbronzatura indoor non sempre rispettare l'intensità concia di lettini abbronzanti e regolamenti di tempo del loro patroni."

Mentre il dottor Jones e il suo collega hanno concluso che è necessario un ulteriore educazione dei consumatori circa i pericoli di concia, che sottolineano inoltre che la mancanza di regolamentazione del governo ha permesso all'industria conciaria di prosperare sul fraintendimenti del pubblico circa concia attraverso pratiche pubblicitarie ingannevoli.

FTC Bans ingannevoli annunci abbronzatura indoor Riconoscendo la gravità di questo problema, nel gennaio 2010, la Federal Trade Commission (FTC) ha emesso un ordine di consenso che vieta l'Indoor Tanning Association (ITA) dal fare affermazioni false di salute e sicurezza sui abbronzatura indoor. L'American Academy of Dermatology (Accademia) ha sollevato le sue preoccupazioni per le false dichiarazioni compiuti dalla ITA con la FTC nel 2008 dopo l'ITA ha lanciato una campagna pubblicitaria progettata per ritrarre abbronzatura indoor come sicuro e vantaggioso.

"L'American Academy of Dermatology plaude al FTC per la sua inchiesta sulle affermazioni false e ingannevoli di salute e sicurezza sui abbronzatura indoor di essere perpetuata dall'industria abbronzatura indoor", ha detto David M. dermatologo Pariser, MD, FAAD, presidente della American Academy of Dermatologia. "I fatti scientifici sono chiari: l'esposizione alle radiazioni UV - sia dal sole o da fonti di luce artificiali, come abbronzatura indoor - aumenta il rischio di sviluppare il cancro della pelle, compreso il melanoma, la forma più letale di cancro della pelle."

(0)
(0)
Articolo precedente Incontra l'Opera cane
Articolo successivo Salvare l'orso polare

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha