Studio identifica attività neurale legato alla dipendenza da cibo

Aprile 11, 2016 Admin Salute 0 13
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le persone con un comportamento alimentare di dipendenza simile sembrano avere una maggiore attività neurale in determinate regioni del cervello simile alla dipendenza di sostanze, tra cui elevata attivazione circuito ricompensa in risposta agli stimoli alimentari, secondo un rapporto pubblicato online che comparirà nella stampa agosto numero di Archives of General Psychiatry, uno dei JAMA/Archivi riviste.

"Un terzo degli adulti americani sono obesi malattia ora e all'obesità è la seconda causa di morte prevenibile. Purtroppo, la maggior parte dei trattamenti di obesità non comportano la perdita di peso duratura, perché la maggior parte dei pazienti a riacquistare il loro peso perso entro cinque anni," gli autori scrittura. "Sulla base di numerosi paralleli nel funzionamento neurale associata con dipendenza da sostanze e l'obesità, i teorici hanno proposto che i processi di dipendenza possono essere coinvolti nell'eziologia dell'obesità. Food and Drug utilizzare sia risultato in rilascio di dopamina nelle regioni mesolimbico [del cervello] e il grado del rilascio correla con la ricompensa soggettiva sia il cibo e l'uso di droghe. " I ricercatori aggiungono che, per la loro conoscenza, nessuno studio ha esaminato i correlati neurali del comportamento alimentare dipendenza simile.

Ashley N. Gearhardt, MS, M.Phil., Della Yale University, New Haven, Conn., E colleghi hanno esaminato la relazione tra dipendenza alimentare (FA) sintomi, come valutato dal Yale alimentare Addiction Scale (YFAS), con attivazione neurale (misurata tramite risonanza magnetica funzionale) in risposta alle indicazioni di segnalazione imminente consegna di un alimento altamente appetibile (frappè al cioccolato) vs. una soluzione di controllo insapore; e il consumo di un cioccolato frappè contro una soluzione insapore. Lo studio ha incluso 48 giovani donne sane che vanno dalla magra obesi reclutati per una prova mantenimento del peso sano.




I ricercatori hanno scoperto che i punteggi dipendenza da cibo correlata con una maggiore attivazione nelle aree del cervello tra cui la corteccia cingolata anteriore (ACC), corteccia mediale orbitofrontale (OFC), e l'amigdala in risposta alla ricezione anticipata di cibo. I partecipanti con alto vs. basso FA hanno dimostrato una maggiore attivazione nella corteccia prefrontale dorsolaterale e caudato durante anticipato l'assunzione di cibo appetibile e di attivazione ridotta nel OFC laterale durante il consumo di cibo appetibile.

"Come previsto, i punteggi elevati FA sono stati associati con una maggiore attivazione delle regioni che giocano un ruolo nella codifica del valore motivazionale di stimoli in risposta a stimoli alimentari. L'ACC e mediale OFC hanno entrambi stati implicati nella motivazione per nutrire e consumare droghe tra gli individui con dipendenza da sostanze, "scrivono gli autori. "In sintesi, questi risultati supportano la teoria che il consumo di cibo compulsivo può essere guidato in parte da una maggiore anticipazione delle proprietà gratificanti di cibo. Allo stesso modo, le persone tossicodipendenti sono più probabilità di essere fisiologicamente, psicologicamente, e comportamentale reattiva agli stimoli sostanze correlate . "

"A nostra conoscenza, questo è il primo studio a collegare gli indicatori di comportamento alimentare di dipendenza con un modello specifico di attivazione neurale. Lo studio prevede anche la prova che le differenze biologiche oggettivamente misurati sono legati alle variazioni nei punteggi YFAS, fornendo così un ulteriore sostegno per la la validità della scala. Inoltre, se alcuni alimenti sono coinvolgente, questo può in parte spiegare l'esperienza di difficoltà la gente a raggiungere la perdita di peso sostenibile. Se spunti alimentari assumono migliorate proprietà motivazionali in modo analogo a spunti di droga, gli sforzi per cambiare l'ambiente alimentare attuale può essere fondamentale per successo perdita di peso sforzi e prevenzione. Ubiquitous pubblicità di alimenti e la disponibilità di alimenti appetibili economici possono rendere estremamente difficile aderire a scelte alimentari più sane perché gli spunti alimentari onnipresenti attivano il sistema di ricompensa. Infine, se il consumo di cibo appetibile è accompagnato da disinibizione [perdita di inibizione], l'attuale enfasi sulla responsabilità personale, l'aneddoto di aumentare i tassi di obesità può avere efficacia minima, "concludono i ricercatori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha