Studio supporta la dieta priva di glutine nei potenziali pazienti con malattia celiaca

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I risultati di un nuovo studio di 141 adulti aggiungono ad un dibattito medico in corso su cui i pazienti con i sintomi della malattia celiaca dovrebbero andare su una dieta priva di glutine. Pubblicato in ACS 'Journal of Proteome Research, lo studio conclude che le persone attualmente diagnosticati come "potenziali" pazienti con malattia celiaca e non invitati a seguire una dieta priva di glutine non può essere pazienti "potenziali" a tutti.

Piuttosto, gli scienziati hanno scoperto che questi pazienti hanno la stessa impronta digitale metabolica distintivo pazienti con malattia conclamata che non beneficiano di una dieta senza glutine.

Nello studio, Ivano Bertini e colleghi spiegano che la celiachia è una malattia digestiva autoimmune caratterizzata dall'incapacità di digerire una proteina chiamata gliadina, una componente del glutine, che si trova nel frumento, segale e orzo. La condizione provoca diarrea, gonfiore, e altri sintomi in oltre 3 milioni di persone negli Stati Uniti da soli. Il trattamento è di evitare alimenti contenenti glutine. Ma la malattia è spesso non diagnosticata o diagnosi errate. La diagnosi definitiva comporta biopsia dell'intestino tenue, mostrando danno tissutale. Le persone con un esame del sangue positivo per la condizione, ma non biopsia positiva di solito vengono diagnosticati come "potenziali" celiaci e possono o non possono essere invitati a seguire una dieta priva di glutine.




Gli scienziati hanno usato la risonanza magnetica profiling metabolico di analizzare i marcatori biochimici nel sangue e nelle urine di 61 pazienti con malattia celiaca, 29 con potenzialità celiachia, e 51 persone sane. Essi hanno scoperto che quelli con malattia potenziale sostanzialmente condiviso lo stesso profilo, come quelli con la malattia confermata e che i marcatori biochimici in entrambi i gruppi differivano significativamente da quelli degli individui sani. "I nostri risultati dimostrano che le alterazioni metaboliche possono precedere lo sviluppo delle piccole atrofia dei villi intestinali e di fornire un ulteriore razionale per istituzione precoce di dieta senza glutine in pazienti con malattia celiaca potenziale, come recentemente suggerito da studi clinici prospettici," concludono gli scienziati.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha