Superfood giapponese impedisce l'infezione influenzale

Giugno 1, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati hanno scoperto che i batteri si trovano in una salamoia tradizionale giapponese può prevenire l'influenza. Potrebbe essere questa la prossima superfood?

La ricerca, che valuta i poteri immunostimolanti di Lactobacillus brevis da Suguki - una rapa marinato, popolare in Giappone - in topi che sono stati esposti a un virus influenzale, è pubblicato oggi sulla rivista SFAM, Letters in Applied Microbiology.

Lead ricercatore, la signora Naoko Waki ​​di KAGOME CO., LTD. in Giappone, ha dichiarato: "I nostri risultati mostrano che, quando un particolare ceppo di Lactobacillus brevis è mangiato dai topi, ha effetti protettivi contro l'infezione da virus influenzale."




Gli appassionati Suguki hanno spesso citato i suoi poteri protettivi, ma non si sa ancora se gli stessi effetti si vedranno negli esseri umani. Studi clinici sull'uomo con un drink probiotico contenente batteri Lactobacillus brevis KB290 sono in corso e gli scienziati sperano che, data una quantità appropriata di batteri, alimenti che li contengono possono rivelarsi il prossimo superfood.

Di cosa si tratta i batteri che dà loro questa splendida struttura non è noto, ma è molto tollerante di succhi gastrici, che sono troppo acido per molti batteri. Ciò è dovuto in gran parte ad uno strato protettivo di zuccheri chiamato esopolisaccaridi.

"Sappiamo che esopolisaccaridi hanno effetti amplificazione immuni in altri batteri simili, quindi ci chiediamo se le esopolisaccaridi di KB290 sono responsabili per gli effetti che vediamo", ha detto la signora Waki. Ulteriori studi saranno intraprese per indagare su questo.

L'effetto dei batteri è quello di aumentare la produzione di molecole del sistema immunitario del corpo - IFN-α e anticorpi specifici per influenza - e di potenziare l'attività per eradicare cellule infettate da virus. In questo studio gli effetti sono stati sufficienti per prevenire l'infezione da influenza H1N1 e gli scienziati ritengono che ci potrebbe essere anche la protezione contro altre infezioni virali, tra cui l'influenza H7N9 mortale, che si è recentemente emersa in Cina.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha